Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Dica, o dir faccia, a lei che sormaggio ène"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Dica, o dir faccia, a lei che sormaggio ène|prec=../Ed en ciascuna volsi conto e saggio|succ=../Ver la maggio si vol quasi tenere}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/191]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|97}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Cosa deve l’amante dire alla «sormaggio»,.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=191]] to=191 fromsection=s2 />
 
<poem>
Dica, o dir faccia, a lei che sormaggio ène,
che ’l sembiante benevol e pietoso,
che ’l piacente piacer che ’n viso tene,
{{R|4}}e ’l gran bellor del suo stato amoroso,
e ’l pregio fin, ch’al suo valor convene,
e ’l dire e ’l far di lei sì agrazioso,
e tutto ciò che donna ave de bene,
{{R|8}}che ’n lei trova om che di natura è uso,
la fa piacer sì dolzemente, ch’ello
è lei coralmente fedel, quanto
{{R|11}}è sol per ubidir ciò che l’è bello;
e che merto di ciò vole sol tanto,
che lei piaccia che suo, senza robello,
{{R|14}}sia mentre vive; e hal mertato manto.
</poem>
146 764

contributi