Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Or son maestra di villan parlare"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Or son maestra di villan parlare|prec=../Ahi Deo, chi vidde donna vizïata|succ=../Me piace dir como sento d'amore}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/186]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|86}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Pentita d’essere stata a tenzone con chi ha disdegnato, dichiara che non risponderá piú.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=186]]= to=186 />
 
<poem>
Or son maestra di villan parlare
perché saccia di te dir villania,
ché villan dire e dispiacevel fare
{{R|4}}sì ritrova’ in te ciascuna dia,
ch’un piccol mamol ne porria ritrare
più che fatto non aggio, in fede mia,
ché quello che ditt’ho già nente pare
{{R|8}}inverso de la tua gran malatia.
Ma io vorrebbi, lassa, esser morta
quando con omo ch’i’ l’ho disdegnato,
{{R|11}}come tu se’, tale tencion fatt’aggio.
Ben puoi tener ormai la lingu’acorta
e dir ciò che ti piace, e star fidato
{{R|14}}che ’n alcun modo non responderaggio.
</poem>
146 938

contributi