Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Altro che morte ormai non veggio sia"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Altro che morte ormai non veggio sia|prec=../Ahi, lasso, como mai trovar poria|succ=../Certo, Guitton, de lo mal tuo mi pesa}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/172]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|58}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Non gli procurano amore e pietá né il servire né il chiedere: il dolore non passerá che con la morte. •.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=172]]= to=172 />
 
<poem>
Altro che morte ormai non veggio sia
de lo dolore meo trapassamento;
ch’eo biasmo e laudo e vogli’e non vorria
{{R|4}}che d’amar lei partisse el meo talento.
Ché pur contendo co la voglia mia,
onde mi trovo, lasso, ognora vento;
e poi che veggio che scampar non dia
{{R|8}}giammai, non faccio alcun difendimento.
Poi morir deggio, dirò che m’amorta
quella, ch’onore e valor e piacere
{{R|11}}e beltate sovra tutt’altre porta,
e crudeltate e fierezza e volere
de darmi morte sì, che non mi apporta
{{R|14}}amor servire né pietà cherere.
</poem>
146 742

contributi