Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Lo dolor e la gioi del meo coraggio"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Lo dolor e la gioi del meo coraggio|prec=../Eo non tegno già quel per bon fedele|succ=../Deo, con dimandi ciò, che t'ho donato}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/163]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|41}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Il poeta gioisce per l’accoglienza fatta alle sue parole, si duole del dubbio, e prega di fornirgli il modo di dimostrare le sue intenzioni.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=163]] to=163 fromsection=s2 />
 
<poem>
Lo dolor e la gioi del meo coraggio
non vo poria, bona donna, contare;
ché dolor ho, che m’è d’onn’altro maggio,
{{R|4}}che voi pur reo voletemi pensare;
gioi ho di ciò, che mio amore e mio omaggio
vi piace, al modo de lo meo parlare;
ma non mi torna guaire in allegraggio,
{{R|8}}se voi per fin non mi posso aprovare.
Però vo prego, per merzé, che agio
e loco date me, du’ pienamente
{{R|11}}demostri voi, s’eo son bon o malvagio.
E, s’eo son bon, piaccia vo pienamente,
e s’eo so reo, sofrir pena e mesagio
{{R|14}}voglio tutto, sì con voi serà gente.
</poem>
146 737

contributi