Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Onne vogliosa d'omo infermitate"

m
Alex_brollo: match
m (Pywikibot 3.0-dev)
m (Alex_brollo: match)
<section begin="arg"/>poesie<section end="arg"/>
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Onne vogliosa d'omo infermitate|prec=../Magni baroni certo e regi quasi|succ=../Altra fiata aggio già, donne, parlato}}
 
==__MATCH__:[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/129]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|XLVIII}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Come, volendo, si possa vincer la carne.}}
dice Apostul, tentare
più che possa om portare;
{{R|20}}ma dà, portando, aiuto,
</poem>
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/130]]==
<poem>
ma dà, portando, aiuto,
medici; e fuggendo,
contrarii molti prendendo,
s’el fugge, ei punge appresso
{{R|55}}e lo prende e reten forte valendo.
</poem>
Laida e dannosa in corpo è malatia,
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/131]]==
<poem>
Laida e dannosa in corpo è malatia,
schifare cibi degni utili e boni
e dilettar carboni,
{{R|90}}Ma bruttare non po brutti bruttezza:
donne, cavaleri, cherci, baroni
</poem>
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/132]]==
<poem>
e gente orrata, oh quanta! ,
bruttisce e ont’ha manta,
Dio volendo lavori,
fornendo i suoi misteri,
</poem>
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/133]]==
<poem>
si d’omo è Dio scudieri.
Quanti e quanto confonde
confesso senza fallo esserla grave;
ma stimar dea soave
</poem>
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/134]]==
<poem>
male che tolle peggio omo valente.
{{R|165}}Trar di cor piaga a gamba om voler dia
Come tutta valenza,
vertù, libertà, scienza,
{{R|
{{R|200}}alma e Dio defendendo,
</poem>
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/135]]==
<poem>
{{R|200}}alma e Dio defendendo,
pregio e amor reggendo,
e degnità d’umanitate e nome
146 668

contributi