Differenze tra le versioni di "Pagina:Vivanti - Sorella di Messalina.djvu/27"

(Divudi85: split)
 
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{RigaIntestazione|{{Sc|...''sorella di messalina''}}||23}}
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{Nop}}
non ammettete che un uomo che vi ha amata, vi lasci?
 
  +
- L'uomo che mi ha amata - disse lei con voce profonda, - non mi lascia... che per morire.
 
 
— Voi non ammettete che un uomo che vi ha amata, vi lasci?
  +
 
L’uomo che mi ha amata disse lei con voce profonda, non mi lascia... che per morire.
  +
 
Alberto di nuovo sorrise a questa macabra dichiarazione.
 
Alberto di nuovo sorrise a questa macabra dichiarazione.
  +
- Misericordia! - esclamò. - Quale truce modo di amare!
+
Misericordia! esclamò. Quale truce modo di amare!
- È l'unico modo, - ribattè lei, e la sua voce era bassa e calda nella bianca gola pulsante - l'unico! Badate ch'io non parlo nè della tenerezza, nè dell'amicizia, nè dell'affetto; parlo dell'amore: di questa cosa crudele spietata truculenta che esige l'inesorabile e l'eterno. E di inesorabile e d'eterno non vi è che la morte.
 
  +
Queste teorie parvero ad Alberto alquanto eccessive ed esaltate. D'altronde, era in tutto bizzarra la sua nuova conoscenza. Alberto notò che si profumava il fazzoletto coll'etere.
 
 
È l’unico modo, ribattè lei, e la sua voce era bassa e calda nella bianca gola pulsante l’unico! Badate ch’io non parlo nè della tenerezza, nè dell’amicizia, nè dell’affetto; parlo dell’amore: di questa cosa crudele spietata truculenta che esige l’inesorabile e l’eterno. E di inesorabile e d’eterno non vi è che la morte.
Egli si compiacque di quest'atmosfera inusitata, ma non ne fu per nulla turbato. Accomiatandosi disse a lei che sarebbe tornato l'indomani; e a sè stesso disse che non sarebbe tornato più. Già, aveva molto da fare: doveva finire la Madonna per la chiesa di Laghet, e il ritratto della baronessa Ferrari;
 
  +
 
Queste teorie parvero ad Alberto alquanto eccessive ed esaltate. D’altronde, era in tutto bizzarra la sua nuova conoscenza. Alberto notò che si profumava il fazzoletto coll’etere.
  +
 
Egli si compiacque di quest’atmosfera inusitata, ma non ne fu per nulla turbato. Accomiatandosi disse a lei che sarebbe tornato l’indomani; e a sè stesso disse che non sarebbe tornato più. Già, aveva molto da fare: doveva finire la Madonna per la chiesa di Laghet, e il ritratto della baronessa Ferrari;
Piè di pagina (non incluso)Piè di pagina (non incluso)
Riga 1: Riga 1:
 
<references/>
 
94 278

contributi