Differenze tra le versioni di "Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 12 (1870).djvu/302"

nessun oggetto della modifica
(Ajax eis edit)
 
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 4: Riga 4:
   
 
{{Nl|I Veneziani rivelano i disegni dei Greci sopra Ravenna. }}
 
{{Nl|I Veneziani rivelano i disegni dei Greci sopra Ravenna. }}
E nell’anno 761 {{AutoreCitato|Papa Paolo I|Paolo I}} scrive a {{Wl|Q81212|Pipino}} comunican- dogli lo lettere che Leone imperatore iconoclasta avea dirette da Costantinopoli a Sua Santità l’arcivescovo di Ravenna per nome Sergio, acciocchè esso Pipino potesse conoscere quanto perfidi consigli vi si contenessero e da quali pericoli fosse minacciata la Chiesa. «Vi mando ancora» aggiunge «un esemplare di una lettera secre- tamente scritta all’arcivescovo Sergio da alcuni fedeli veneziani, e quelle del predetto arcivescovo a noi, acciocchè siate persuaso che bisogna subito comandare al {{Wl|Q297520|re Desiderio}} di prestare aiuto quando mai occorra a Ravenna ed alle città marittime della Pentapoli»<ref>{{Sc|Fant}}., ''Mon. Rav'', T. V, N." 14. ''Ex Codice Carolino'', Car. XXVIII.</ref>.
+
E nell’anno 761 {{AutoreCitato|Papa Paolo I|Paolo I}} scrive a {{Wl|Q81212|Pipino}} comunicandogli lo lettere che Leone imperatore iconoclasta avea dirette da Costantinopoli a Sua Santità l’arcivescovo di Ravenna per nome Sergio, acciocchè esso Pipino potesse conoscere quanto perfidi consigli vi si contenessero e da quali pericoli fosse minacciata la Chiesa. «Vi mando ancora» aggiunge «un esemplare di una lettera secre- tamente scritta all’arcivescovo Sergio da alcuni fedeli veneziani, e quelle del predetto arcivescovo a noi, acciocchè siate persuaso che bisogna subito comandare al {{Wl|Q297520|re Desiderio}} di prestare aiuto quando mai occorra a Ravenna ed alle città marittime della Pentapoli»<ref>{{Sc|Fant}}., ''Mon. Rav'', T. V, N.° 14. ''Ex Codice Carolino'', Car. XXVIII.</ref>.
   
 
Tanto mostra come i Veneziani, che pe’ loro commerci usavano di frequente nei porti del Levante, ben sapessero quanto allora macchinavasi in Costantinopoli pel riacquisto
 
Tanto mostra come i Veneziani, che pe’ loro commerci usavano di frequente nei porti del Levante, ben sapessero quanto allora macchinavasi in Costantinopoli pel riacquisto