Differenze tra le versioni di "Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCX"

m
Conversione proofread via bot
m (Bot: aggiustamento parametri)
m (Conversione proofread via bot)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=22 settembre 2009|arg=Poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=[[Rime (Stampa)/Rime d'amore|Rime d'amore]]<br/><br/>CCX|prec=../CCIX|succ=../CCXI}}
 
<pages index="Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu" include="119" onlysection="CCX" />
<poem>
Veggio Amor tender l’arco, e novo strale
por ne la corda e saettarmi il core,
e, non ben saldo ancor l’altro dolore,
nova piaga rifarmi e novo male;
e sì il suo foco m’è proprio e fatale,
sì son preda e mancipio ognor d’Amore,
che, perché l’alma vegga il suo migliore,
ripararsi da lui né vuol né vale.
Ben è ver che la tela, che m’ordisce,
sempre è di ricco stame; e quindi aviene
che ne’ suoi danni il cor père e gioisce;
e ’l ferro è tale, onde a ferirmi or viene,
che si può dir che chi per lui perisce
prova sol una vita e sommo bene.
</poem>
70 875

contributi