Differenze tra le versioni di "Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXCIII"

m
Conversione proofread via bot
m (Bot: aggiustamento parametri)
m (Conversione proofread via bot)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=22 settembre 2009|arg=Poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=[[Rime (Stampa)/Rime d'amore|Rime d'amore]]<br/><br/>CXCIII|prec=../CXCII|succ=../CXCIV}}
 
<pages index="Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu" include="111" onlysection="CXCIII" />
<poem>
Se quel grave martìr che il cor m’afflige,
non temprasse talor cortese Amore,
già mi sarei di vita uscita fuore,
e varcato averei Cocito e Stige;
ma, perché quant’ei più m’ange e trafige,
tanto la gioia poi tempra l’ardore,
tenendo sempre fra due, lassa, il core,
né al sì, né al no l’alma s’affige.
Così d’ambrosia vivo e di veleno,
né di vita o di morte sta sicura
l’anima, ch’or s’aviva ed or vien meno.
O strana, o nova, o insolita ventura,
o petto di dolor e noia pieno,
o diletto, o martìr, che poco dura!
</poem>
79 478

contributi