Differenze tra le versioni di "Rime (Stampa)/Rime d'amore/LVIII"

m
Conversione proofread via bot
m (Bot: aggiustamento parametri)
m (Conversione proofread via bot)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=22 settembre 2009|arg=Poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=[[Rime (Stampa)/Rime d'amore|Rime d'amore]]<br/><br/>LVIII|prec=../LVII|succ=../LIX}}
 
<pages index="Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu" include="40" onlysection="LVIII" />
<poem>
Deh perché non ho io l’ingegno e l’arte
di Lisippo e d’Apelle, onde potessi
il viso, che per sole al mondo elessi,
dipinger e scolpir in qualche parte,
poi che non posso ben ritrarr’in carte,
com’avrian con lo stile ritratto essi,
le mie due stelle, la cui luce impressi
pria sì nel cor, che d’indi non si parte?
Perch’io rimarrei sol con un tormento
d’amar e sospirar, e ’l cor saria
d’ogni altra cura poi pago e contento;
dov’or piango l’acerba pena mia,
e piango ch’atta a pinger non mi sento
al mondo il mio bel sol quanto devria.
</poem>
72 900

contributi