Apri il menu principale

Modifiche

  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
{{RigaIntestazione||{{Sc|giulio cesare}}|{{Sc|235}}|riga=si}}
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
di lui? i sette colli risonavano di evviva, e i tempj di supplicazioni. Intanto egli facevasi scrivere tutte le cose e piccole e grandi<ref>Omnia maxima, minima ad Cæsarem scribuntur. {{Sc|{{AutoreCitato|Marco Tullio Cicerone|Cicerone}}}} ''al fratello Quinto'', III, 1.</ref>; teneva d’occhio alle ordite dell’emulo, e con prestezza e accorgimento gliele rompeva, prodigando con una mano l’oro, coll’altra tenendo la spada. Pompeo fidava nel console Emilio Paolo; ma Cesare sel comprò con millecinquecento talenti: Pompeo fidava che Curione Scribanio tribuno proporrebbe di dimettere il proconsole; ma Cesare il guadagna col rilevarlo dagl’immensi debiti, sicchè invece suggerisce di prolungare ad entrambi il comando o entrambi destituirli. Ebbe un bel tergiversare il senato; il popolo convertì in legge la proposta, la cui moderazione aggiungeva credito ai Cesariani; ma nè Pompeo nè Cesare aveano in animo di deporre un imperio, con sì lunghe arti procacciato; solo ad entrambi rincresceva il mostrarsi autori della guerra civile che sentivano inevitabile, come i migliori cittadini inevitabile vedeano la caduta della repubblica.
GIULIO CESARE
 
235
Faceasi intanto quella calma che precede la tempesta, della quale tutti sentivano imminente lo scoppio, niuno ne voleva la responsalità. Ma a ben diversa condizione si trovavano i due pretendenti. Pompeo davasi aria di tutore della repubblica, e come tale supponeva aver sotto la sua bandiera tutta la patria; e diceva: — Ch’io batta un piede in terra, e ne sbucheranno legioni». Questa presuntuosa fiducia facealo trascurare i preparativi, mentre Cesare, non calcolando che sui proprj mezzi, moltiplicava o invigoriva le forze, compravasi partigiani checchè costassero, porgevasi amico o tutore del popolo contro le esuberanze de’ suoi nemici; sopra tutto fidava nei provinciali e nei forestieri che lo guardavano come loro patrono, e in quella moltitudine agguerrita di Belgi, Galli, Spagnuoli, e di veterani che morrebbero allegri nella sola fiducia che il loro Cesare li loderebbe. Aveva poi in pugno la Gallia, provincia importantissima perchè i cittadini romani v’esercitavano i traffici loro principali<ref>Referta Gallia negatiatorum est, piena civium romanarum; nemo Gallorum sine cive romano quidquam negotii gerii nummus in Gallia nullus sine civium romanornm tubulis commovetur. Cicerone ''pro Fontejo.''</ref>; oltrechè abbracciando con un sol nome il paese di là e di qua dalle Alpi, conferiva a chi la governasse l’arbitrio di condurre l’esercito fino al territorio sacro d’Italia. Destro però a declinare da sè ogni
di lui? i sette colli risonavano di evviva, e i tempj di supplicazioni. In-
tanto egli facevasi scrivere tutte le cose e piccole e grandi (8); teneva
d'occhio alle ordite dell'emulo, e con prestezza e accorgimento gliele
rompeva, prodigando con una mano l'oro, coU'altra tenendo la spada.
Pompeo fidava nel console Emilio Paolo ; ma Cesare sei comprò con
millecinquecento talenti: Pompeo fidava che Curione Scribanio tri-
buno proporrebbe di dimettere il proconsole; ma Cesare il guadagna
col rilevarlo dagl'immensi debiti, sicché invece suggerisce di pro-
lungare ad entrambi il comando o entrambi destituirli. Ebbe un bel
tergiversare il senato; il popolo convertì in legge la proposta, la
cui moderazione aggiungeva credito ai Gesariani; ma nè Pompeo
nè Cesare aveano in animo di deporre un imperio, con si lunghe
arti procacciato; solo ad entrambi rincresceva il mostrarsi autori
della guerra civile che sentivano inevitabile, come i migliori citta -
.dini inevitabile vedeano la caduta della repubblica.
Faceasi intanto quella calma che precede la tempesta, della quale
tutti sentivano imminente lo scoppio, ninno ne voleva la responsa-
lità. Ma a ben diversa condizione si trovavano i due pretendenti.
Pompeo davasi aria di tutore della repubblica, e come tale suppo-
neva aver sotto la sua bandiera tutta la patria; e diceva: — Ch'io
batta un piede in terra, e ne sbucheranno legioni ». Questa pre-
suntuosa fiducia facealo trascurare i preparativi, mentre Cesare, non
calcolando che sui proprj mezzi, moltiplicava o invigoriva le forze,
compravasi partigiani checché costassero, porgevasi amico o tutore
del popolo contro le esuberanze de' suoi nemici; sopra tutto fidava
nei provinciali e nei forestieri che lo guardavano come loro patrono,
e in quella moltitudine agguerrita di Belgi, Galli, Spagnuoli, e di
veterani che morrebbero allegri nella sola fiducia che il loro Cesare
li loderebbe. Aveva poi in pugno la Gallia, provincia importantissima
perchè i cittadini romani v'esercitavano i traffici loro principali (9);
oltreché abbracciando con un sol nome il paese di là e di qua dalle
Alpi, conferiva a chi la governasse l'arbitrio di condurre l'esercito
fino al territorio sacro d'Italia. Destro però a declinare da sé ogni
(8) Omnia maxima, minima ad Cicsarem scribuntur. Cicerone ai fratello Quinto, III, 1.
(9) Referla Gallia negaliatorum est , piena civium romanarum ; nemo Gallorum
sine cive romano quidquam negotii gerii nummus in Gallia nullus sine civium ro-
manornm lubulis comraovelur. Cicerone prò Fontejo.
28 527

contributi