Pagina:Delle strade ferrate toscane e del migliore ordinamento di esse.djvu/7: differenze tra le versioni

 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
{{ct|f=70%|t=2|v=1|DELLE}}
{{Centrato|
{{ct|f=100%|t=1|v=1|L=3px|STRADE FERRATE TOSCANE}}
DELLE
{{ct|f=70%|t=1|v=1|E}}

{{ct|f=70%|t=1|v=1|DEL MIGLIORE ORDINAMENTO DI ESSE}}
STRADE FERRATE TOSCANE
{{Rule|4em|t=2|v=4}}

Fino da quando, infranti i ceppi della dominazione Medicea, la Toscana incominciò col primo Leopoldo a risorgere ad una nuova era di vita e di civiltà, dallo squallore in cui lasciavala quella intarlata monarchia, si trovò ben presto in uno insperato corso di prosperità. Nè per quanto industrioso e sveglio fosse il popolo toscano, dovè il suo risorgimento ai soli suoi sforzi; ma più alla mente ed al genio del giovine principe, che seppe comprendere di questo popolo i bisogni, e formare leggi di ''attualità''. Egli comprese che i piccoli stati non possono aspirare a guerriere conquiste per ingrandirsi, e prender posto fra le potenze; ma che l’industria ed il commercio possono portargli a tal grado di ricchezza, da farsi rispettare dagl’imperj i più grandi; e a tal uopo emanò quelle savie leggi, che abolendo gl’inceppamenti, che rendevano i mercanti e gli artisti simili ai servi della gleba, assicurarono a questi la libertà del commercio, a quelli la libertà e la proprietà della loro industria. Da quel punto la Toscana cambiò aspetto; e se Firenze non riprese l’antico splendore, e non vide più {{Pt|con-|}}
E

DEL MIGLIORE ORDINAMENTO DI ESSE

{{Rule|4em}}}}


Fino da quando, infranti i ceppi della dominazione
Medicea, la Toscana incominciò col primo Leopoldo a risorgere
ad una nuova era di vita e di civiltà, dallo squallore
in cui lasciavala quella intarlata monarchia, si trovò ben
presto in uno insperato corso di prosperità. Nè per quanto
industrioso e sveglio fosse il popolo toscano, dovè il suo
risorgimento ai soli suoi sforzi; ma più alla mente ed al
genio del giovine principe, che seppe comprendere di questo
popolo i bisogni, e formare leggi di ''attualità''. Egli comprese
che i piccoli stati non possono aspirare a guerriere
conquiste per ingrandirsi, e prender posto fra le potenze;
ma che l’industria ed il commercio possono portargli a tal
grado di ricchezza, da farsi rispettare dagl’imperj i più
grandi; e a tal uopo emanò quelle savie leggi, che abolendo
gl’inceppamenti, che rendevano i mercanti e gli artisti simili
ai servi della gleba, assicurarono a questi la libertà del
commercio, a quelli la libertà e la proprietà della loro industria. Da quel punto la Toscana cambiò aspetto; e se
Firenze non riprese l’antico splendore, e non vide più {{Pt|con-|}}
Piè di pagina (non incluso)Piè di pagina (non incluso)
Riga 1: Riga 1:
<references/>
36 500

contributi