Differenze tra le versioni di "Pagina:Le mille e una notti, 1852, I-II.djvu/217"

m
nessun oggetto della modifica
m
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 5: Riga 5:
 
Non fu Dinarzade questa notte sollecita quanto la precedente, ma non tralasciò di chiamare prima di giorno la Sultana, e pregarla di continuare la storia del terzo calendero. Scheherazade la proseguì, facendo sempre parlare il calendero a Zobeide:
 
Non fu Dinarzade questa notte sollecita quanto la precedente, ma non tralasciò di chiamare prima di giorno la Sultana, e pregarla di continuare la storia del terzo calendero. Scheherazade la proseguì, facendo sempre parlare il calendero a Zobeide:
   
— « Signora, avendomi uno dei dieci giovani guerci tenuto il discorso che riferii, m’avvolsi nella pelle del montone munito del coltello, e quando si furono data la pena di cucirmi dentro, mi lasciarono colà, e ritirarousi dal salone. Non istette lungo tempo il ''roc'' a farsi vedere; piombò su di me, ed afferratomi fra gli artigli credendomi un montone, mi trasportò sulla vetta d’un monte.
+
— « Signora, avendomi uno dei dieci giovani guerci tenuto il discorso che riferii, m’avvolsi nella pelle del montone munito del coltello, e quando si furono data la pena di cucirmi dentro, mi lasciarono colà, e ritiraronsi dal salone. Non istette lungo tempo il ''roc'' a farsi vedere; piombò su di me, ed afferratomi fra gli artigli credendomi un montone, mi trasportò sulla vetta d’un monte.
   
 
« Sentitomi a terra, non mancai di servirmi del coltello; tagliai la pelle, e sbarazzatomene, comparvi al ''roc'', il quale, appena mi vide, volò via. È il ''roc'' un uccello bianco, di grandezza e grossezza mostruosa: la sua forza è tale che rapisce gli elefanti nelle pianure, e li porta sulla cima delle montagne, ove li divora.
 
« Sentitomi a terra, non mancai di servirmi del coltello; tagliai la pelle, e sbarazzatomene, comparvi al ''roc'', il quale, appena mi vide, volò via. È il ''roc'' un uccello bianco, di grandezza e grossezza mostruosa: la sua forza è tale che rapisce gli elefanti nelle pianure, e li porta sulla cima delle montagne, ove li divora.
2 005

contributi