Differenze tra le versioni di "Vita di Ascanio Sforza"

note, sistemazione
(note, sistemazione)
'''12''' {{Nota|12}} Vedi le Memorie Storiche di Filippo di Comines, ove parla a lungo della discesa di Carlo VIII in Italia. Consultinsi pure i due primi libri della Storia d'Italia del Guicciardini e i primi libri della Storia de' suoi tempi, di Paolo Giovio.
 
'''13''' {{Nota|13}} Cioè: Limonta e Civenna; due terre del Comasco, già feudi del Monastero di S. Ambrogio.
 
'''14''' {{Nota|14}} Vuolsi dire l'esenzione delle gabelle.
 
'''15''' {{Nota|15}} Sia in questo luogo che altrove devesi intendere Stampa.
16 Vedi la nota a pag. 101.
 
'''16''' {{Nota|16}}
17 Cioè: Bourges.
 
'''17''' {{Nota|17}} Cioè: Bourges.
18 Il famoso Enea Piccolomini, del quale abbiamo alle stampe molte storie.
 
'''18''' {{Nota|18}} Il famoso Enea Piccolomini, del quale abbiamo alle stampe molte storie.
19 Questo verso è tolto dal libro X dell'Eneide: ma per completare la massima che racchiu
 
de bisogna aggiungervi il susseguente che dice: Et seruare modum rebus sublata secundis.
 
Cioè:
 
O cieche umane menti,
 
Come siete de' fatti, e del futuro
 
Poco avvedute: e come oltra ogni modo
 
Ne' felici successi insuperbite.
 
'''19''' {{Nota|19}} Questo verso è tolto dal libro X dell'Eneide: ma per completare la massima che racchiuracchiude bisogna aggiungervi il susseguente che dice: ''Et seruare modum rebus sublata secundis''.
Cioè:<br />
O cieche umane menti,<br />
Come siete de' fatti, e del futuro<br />
Poco avvedute: e come oltra ogni modo<br />
Ne' felici successi insuperbite.<br />
ANNIBAL CARO, trad. dell'Eneide.
 
910

contributi