Differenze tra le versioni di "Pagina:Hypnerotomachia Poliphili.djvu/417"

m
(Correzione pagina via bot (from toolserver))
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 4: Riga 4:
 
POLIA PERTERREFACTA DELLA DIVINA IRA, PER GLI EXEMPLI DELLA PRUDENTE ALUMNA. DISPOSITAMENTE INCOMINCIOE A INAMORARSE, ET AL TEMPIO ANDOE, OVE POLIPHILO MORTO IACEA, ET PIANGENDO, ET ILLACHRYMANDO, ET AMPLEXABUNDA, ELLO SUSCITA. ET COME LE NYMPHE DE DIANA GLI FUGANO. ET LE VISIONE NARRA, CHE NELLA SUA CAMERA POLIA VIDE. DAPOSCIA AL PHANO ANDANDO DI VENERE, RETROVOE LO AMOROSO POLIPHILO.
 
POLIA PERTERREFACTA DELLA DIVINA IRA, PER GLI EXEMPLI DELLA PRUDENTE ALUMNA. DISPOSITAMENTE INCOMINCIOE A INAMORARSE, ET AL TEMPIO ANDOE, OVE POLIPHILO MORTO IACEA, ET PIANGENDO, ET ILLACHRYMANDO, ET AMPLEXABUNDA, ELLO SUSCITA. ET COME LE NYMPHE DE DIANA GLI FUGANO. ET LE VISIONE NARRA, CHE NELLA SUA CAMERA POLIA VIDE. DAPOSCIA AL PHANO ANDANDO DI VENERE, RETROVOE LO AMOROSO POLIPHILO.
   
{{capolettera|[[File:Hypnerotomachia Poliphili pag417 A.jpg|110px|A]]|}}RBITRANDO SUFFICIENTE HAVERE suaso la perita veteratrice mia Alumna, cum summa prudentia et argutia suspicare del praesagio nocturno, a gli sui cordiali moniti et a gli solerti consiglii, et al suo disertare misse termine. Et già il coelo havea la nubilosa caligine disiecta, et fugato della nocte atra il nubilo. Et l’aire del novo giorno depincta havendo, l’aureo Sole surgente, et havendo aliquantulo le roratione matutinale dagli herbanti prati assutte. Io oppurtunamente commonefacta, l’animo mio moerendo per gli paurosi et gravi repensamenti, incominciai intimamente suspirare. Et
+
{{capolettera|[[File:Hypnerotomachia Poliphili pag047.jpg|110px|A]]|}}RBITRANDO SUFFICIENTE HAVERE suaso la perita veteratrice mia Alumna, cum summa prudentia et argutia suspicare del praesagio nocturno, a gli sui cordiali moniti et a gli solerti consiglii, et al suo disertare misse termine. Et già il coelo havea la nubilosa caligine disiecta, et fugato della nocte atra il nubilo. Et l’aire del novo giorno depincta havendo, l’aureo Sole surgente, et havendo aliquantulo le roratione matutinale dagli herbanti prati assutte. Io oppurtunamente commonefacta, l’animo mio moerendo per gli paurosi et gravi repensamenti, incominciai intimamente suspirare. Et
 
C iii
 
C iii
754

contributi