Differenze tra le versioni di "Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo I.djvu/174"

m
a capo
m (a capo)
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 3: Riga 3:
 
{{smaller|FRA}}
 
{{smaller|FRA}}
   
{{xx-larger|DANTE<ref>Fra gl’italiani poeti Dante è il più studiato in Inghilterra; e il reverendo signor Cary già parroco di Chiswick ed ora vice-bibliotecario del museo britannico ha dato in versi inglesi la più bella traduzione che esista in lingua moderna della ''Divina Commedia''. A diffonderne però l’amore contribuì non poco Ugo Foscolo co’ suoi diversi analoghi lavori, e colle sue pubbliche ''Lezioni sopra i poeti italiani'' date in Londra nel 1823 per impegno di una coltissima dama, {{Sc|Lady Dacre}}, la quale avendo fatta una squisita traduzione di molti sonetti e canzoni di Petrarca, si meritò la dedica del più bel libro, secondo il ''Pecchio'' che il Foscolo abbia dettato durante la sua emigrazione in Inghilterra «''I saggi sopra il Petrarca''» di cui fa parte il presente.</ref> E PETRARCA}}}}
+
{{xx-larger|DANTE<ref>Fra gl’italiani poeti Dante è il più studiato in Inghilterra; e il reverendo signor Cary già parroco di Chiswick ed ora vice-bibliotecario del museo britannico ha dato in versi inglesi la più bella traduzione che esista in lingua moderna della ''{{TestoCitato|Divina Commedia}}''. A diffonderne però l’amore contribuì non poco Ugo Foscolo co’ suoi diversi analoghi lavori, e colle sue pubbliche ''Lezioni sopra i poeti italiani'' date in Londra nel 1823 per impegno di una coltissima dama, {{Sc|Lady Dacre}}, la quale avendo fatta una squisita traduzione di molti sonetti e canzoni di Petrarca, si meritò la dedica del più bel libro, secondo il ''Pecchio'' che il Foscolo abbia dettato durante la sua emigrazione in Inghilterra «''I saggi sopra il Petrarca''» di cui fa parte il presente.</ref> E PETRARCA}}}}
   
 
{{Rule|6em}}
 
{{Rule|6em}}
   
   
{{A destra|L'un disposto a patire, e l'altro a fare.
+
{{A destra|L'un disposto a patire, e l'altro a fare.<br/>
 
{{Sc|{{AutoreCitato|Dante}}, Purg.}} {{TestoCitato|Divina Commedia/Purgatorio/Canto XXV|Cap. XXV}}<ref name="p.174">Questo verso li dipinge d’un tratto ambidue. Il paragonare però Petrarca e Dante non è certo opera lieve ma</ref>.}}
 
{{Sc|{{AutoreCitato|Dante}}, Purg.}} {{TestoCitato|Divina Commedia/Purgatorio/Canto XXV|Cap. XXV}}<ref name="p.174">Questo verso li dipinge d’un tratto ambidue. Il paragonare però Petrarca e Dante non è certo opera lieve ma</ref>.}}
   
962

contributi