Differenze tra le versioni di "Pagina principale/Testo in evidenza"

testi 5 e 12 marzo
(testi 5 e 12 marzo)
[[Pagina principale/Testo in evidenza|<span class="mw-ui-button mw-ui-quiet">Archivio</span>]]
</div><section end=19-02-2017 />
 
== 26 febbraio ==
{{Testo|Leonardo da Vinci}}
 
== 5 marzo ==
<section begin=05-03-2017 />
{{Testo|Dei delitti e delle pene (1780)|Dei delitti e delle pene}}
 
[[File:Cesare Beccaria in Dei delitti crop.jpg|70px|right|link=Autore:Cesare Beccaria]]
 
<div style="font-family:Georgia,Times New Roman,Times,serif; text-align:justify">Gli uomini lasciano per lo più in abbandono i più importanti regolamenti alla giornaliera prudenza, o alla discrezione di quelli, l’interesse de' quali è di opporsi alle più provide leggi che per natura rendono universali i vantaggj, e resistono a quello sforzo, per cui tendono a condensarsi in pochi, riponendo da una parte il colmo della potenza e della felicità, e dall’altra, tutta la debolezza e la miseria: perciò, se non dopo esser passati tramezzo mille errori nelle cose più essenziali alla vita ed alla libertà, dopo una stanchezza di soffrire i mali giunti all’estremo, non s’inducono a rimediare ai disordini che gli opprimono, e a riconoscere le più palpabili verità, le quali appunto sfuggono per la semplicità loro alle menti volgari, non avvezze ad analizzare gli oggetti, ma a riceverne le impressioni tutte di un pezzo, più per tradizione che per esame.</div>
 
<div class="plainlinks">
[[Dei delitti e delle pene (1780)/Capitolo I|<span class="mw-ui-button mw-ui-quiet mw-ui-progressive">Continua a leggere</span>]]
[[Pagina principale/Testo in evidenza|<span class="mw-ui-button mw-ui-quiet">Archivio</span>]]
</div><section end=05-03-2017 />
 
== 12 marzo ==
<section begin=12-03-2017 />
{{Testo|Fatalità (1895)|Fatalità}}
 
[[File:Негри Ада.jpg|70px|right|link=Autore:Ada Negri]]
 
<div style="font-family:Georgia,Times New Roman,Times,serif; text-align:justify"><poem style="margin-left:0">
Questa notte m’apparve al capezzale
          Una bieca figura.
Ne l’occhio un lampo ed al fianco un pugnale,
Mi ghignò sulla faccia. — Ebbi paura. —
          Disse: “Son la Sventura.„
 
“Ch’io t’abbandoni, timida fanciulla,
          Non avverrà giammai.
Fra sterpi e fior, sino alla morte e al nulla,
Ti seguirò costante ovunque andrai.„
          — Scostati!... singhiozzai.
 
Ella ferma rimase a me dappresso.
          Disse: “Lassù sta scritto.
Squallido fior tu sei, fior di cipresso,
Fior di neve, di tomba e di delitto.
          Lassù, lassù sta scritto.„
</poem></div>
 
<div class="plainlinks">
[[Fatalità (1895)/Fatalità|<span class="mw-ui-button mw-ui-quiet mw-ui-progressive">Continua a leggere</span>]]
[[Pagina principale/Testo in evidenza|<span class="mw-ui-button mw-ui-quiet">Archivio</span>]]
</div><section end=12-03-2017 />
 
== 19 marzo ==
 
== 2018 ==
* {{Testo|Leonardo da Vinci}}
* https://it.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina_principale%2FSezioni&type=revision&diff=1851799&oldid=1850967
<noinclude>[[Categoria:Pagina principale]]</noinclude>
[[fr:Wikisource:Extraits]]
2 636

contributi