Differenze tra le versioni di "Pagina principale/Testo in evidenza"

nuovo testo
(22 gennaio)
(nuovo testo)
[[Pagina principale/Testo in evidenza|<span class="mw-ui-button mw-ui-quiet">Archivio</span>]]
</div><section end=22-01-2017 />
 
== 29 gennaio ==
{{Testo|Mirtilla}}
 
== 5 febbraio ==
<section begin=05-02-2017 />
{{Testo|Le colpe altrui}}
 
[[File:Grazia Deledda 1926.jpg|70px|right|link=Autore:Grazia Deledda]]
 
<div style="font-family:Georgia,Times New Roman,Times,serif; text-align:justify">Para Zironi, l’ultimo fraticello rimasto fra le rovine del convento di Monte Nieddu, scendeva tranquillo il sentieruolo della foresta, andando a cercarsi da vivere poichè nessuno più pensava a portargliene lassù.
 
Tutti oramai credevano che gli avanzi del convento fossero stati già diroccati per ordine di uno speculatore che tagliava le foreste di Monte Nieddu: fino a qualche mese prima solo un pastore si ricordava di frate Gerolamo ancora vivo e svelto lassù come la lucertola fra le rovine, e ogni tanto andava ad assistergli la messa e gli recava in dono un vaso di latte cagliato o un pezzo di ricotta avvolto nell’asfodelo; ma negli ultimi tempi anche i pastori erano stati cacciati dalla foresta e la primavera piovosa e ventosa aveva portato la carestia nel convento.
 
Para Zironi coltivava nel suo orticello patate, cipolle ed altri ortaggi delicati che tremavano e si bucavano ad ogni soffio d’aria: ma l’olio e il pane? Anche San Francesco non aveva mai sdegnato l’olio e il pane.</div>
 
<div class="plainlinks">
[[Le colpe altrui/Parte I/Capitolo I|<span class="mw-ui-button mw-ui-quiet mw-ui-progressive">Continua a leggere</span>]]
[[Pagina principale/Testo in evidenza|<span class="mw-ui-button mw-ui-quiet">Archivio</span>]]
</div><section end=05-02-2017 />
 
== 12 febbraio ==
 
== 31 dicembre ==
{{Testo|Mirtilla}}
...
 
== 2018 ==
https://it.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina_principale%2FSezioni&type=revision&diff=1851799&oldid=1850967
<noinclude>[[Categoria:Pagina principale]]</noinclude>
[[fr:Wikisource:Extraits]]
2 636

contributi