Differenze tra le versioni di "Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/539"

(→‎Pagine SAL 25%: Creata nuova pagina: {{immagine da inserire{{ 1. Gigliato. :D/ - +KAR0LVT6R/IMS DEI ORA ■ l€RL ■ € • SICIL- R€X. Il Re seduto in trono con scettro...)
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{Centrato|NAPOLI}}
   
  +
<!--
   
  +
https://archive.org/stream/rivistaitalianad06sociuoft#page/472/mode/2up
{{immagine da inserire{{
 
   
  +
-->
1. Gigliato.
 
 
{{immagine da inserire}}
   
 
1. ''Gigliato''.
:D/ - +KAR0LVT6R/IMS DEI ORA ■ l€RL ■ € • SICIL- R€X. Il Re seduto in trono con scettro e globo crocigero.
 
  +
:D/ - '''{{sans-serif|+KAROLV • TЄR}}''t''{{sans-serif|I}}''u''{{sans-serif|S DЄI GRA • IЄRL • Є • SICIL • RЄX}}'''. Il Re seduto in trono con scettro e globo crocigero.
 
:R/ - {{sans-serif|'''+ <big>h</big>ONORRЄGIS • IVDICIV DILIGIT'''}}. Croce gigliata (inedito).
 
<small>Arg., peso gr. 3,70<ref>Il carlino pesava in origine 1|8 d’oncia ovvero gr. 3,341 ed era a bontà di 11 once e 3 sterlini; ma nel 1305 Carlo II aumentò il peso del carlino nella misura di 1|5 del precedente, conservando però lo stesso titolo; per cui doveva pesare gr. 4,009. I carlini di Roberto, benché nelle commissioni di Zecca più volte si ripete che devano pesare trappesi 4 1|2, pesano poco più di gr. 3,80 e questo di Carlo III, 3,70; ma andarono sempre più diminuendo; e quei di Renato pesano 3,50 o 3,55 ed ancora meno quelli di Alfonso e di Ferdinando I.</ref>. Coll. Sambon.</small>
   
:R/ - + hONORREGIS • IVDICIV DILIGIT. Croce gigliata (inedito).
 
<small>Arg., peso gr. 3,70<ref>Il carlino pesava in origine 118 d’oncia ovvero gr. 3,341 ed era a bontà di 11 once e 3 sterlini; ma nel 1305 Carlo II aumentò il peso del carlino nella misura di 1|5 del precedente, conservando però lo stesso titolo; per cui doveva pesare gr. 4,009. I carlini di Roberto, benché nelle commissioni di Zecca più volte si ripete che devano pesare trappesi 4 1|2, pesano poco più di gr. 3,80 e questo di Carlo III, 3,70; ma andarono sempre più diminuendo; e quei di Renato pesano 3,50 o 3,55 ed ancora meno quelli di Alfonso e di Ferdinando I.</ref>. Coll. Sambon.</small>
 
   
 
2. Altro esemplare pure d’argento con {{sans-serif|'''KAROL TЄRTIDЄI GRA •'''}} ecc. inedito.
 
2. Altro esemplare pure d’argento con KAROL T6RTID€l G-RA ecc. inedito.
 
   
 
3. Denaro.
 
3. Denaro.
:D/ - + KAROL T€RCIVS D€l &RA. Tre gigli sormontati dal rastrello.
+
:D/ - {{sans-serif|'''+ KAROL TЄRCIVS DЄI GRA'''}}. Tre gigli sormontati dal rastrello.
:R/ - + r6RVSAL€M SICIL • R€X. Croce di Gerusalemme.
+
:R/ - {{sans-serif|'''+ IЄRVSALЄM SICIL • RЄX'''}}. Croce di Gerusalemme.
<small>Lega (pubblicato dal Carpentin. ''Rev. Num''., 1860), peso gr. 0,70<ref>Il peso di questi denari è indicato spesso nelle commissioni di Zecca del XIV secolo. Dovevano pesare non meno di 14 acini, più di [6, ossia tra i 6 e ì 7 decigrammi. V. Doc. Archivio di Napoli. Reg. Angioini, 1313 A, f. 74; 1343, f. 94.</ref>.</small>
+
<small>Lega (pubblicato dal {{AutoreCitato|Adolphe Carpentin|Carpentin}}. ''Rev. Num''., 1860), peso gr. 0,70<ref>Il peso di questi denari è indicato spesso nelle commissioni di Zecca del XIV secolo. Dovevano pesare non meno di 14 acini, più di 16, ossia tra i 6 e i 7 decigrammi. V. Doc. Archivio di Napoli. Reg. Angioini, 1313 A, f. 74; 1343, f. 94.</ref>.</small>
 
{{A destra|<small>Museo di Marsiglia.</small>}}
 
{{A destra|<small>Museo di Marsiglia.</small>}}