Differenze tra le versioni di "Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/472"

(Fix RigaIntestazione)
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 75%
+
Pagine SAL 100%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
se troppo grandi ristrinse, conforme le circostanze, e l’uso che se ne volea fare, chiedessero: onde la piccolezza insufficiente l’ampiezza soverchia dessero adito a’nemici. Per questo di Mocagiana, che in addietro consisteva in una sola torre, fece un castello, che oggi é opera compiutissima; ed Almo, dianzi troppo vasto, ridusse a stretto giro, senza pericolo che i nemici possano espugnarlo. In molti altri luoghi parimente trovato avendo non esservi a difesa che una sola torre, debole tanto da non dare alcuna fatica a chi volesse impadronirsene, egli fece costruire un castello fortissimo, siccome fece a Tricesa, e a Putedina. Meravigliosamente poi tutte le fortificazioni di Cebro, cadute in rovina, rinnovò; e in Bigrana edificò un nuovo castello, ed un altro in Ono, ove prima non v’era che una torre; e come non molto lungi da quel luogo rimanevano i soli vestigii di una città, statavi prima, tutta intera per benefizio di Giustiniano Augusto risorse nuova, e ben popolata, ritenendo l’omai dimenticato suo antico nome, che é quello di Augusta. In simil modo le rovine riparò della rocca di Edabe; e la città di Variante rilevò dalle sue rovine; e cinse Valeriana di mura, essendo dianzi nuda di ogni difesa.
+
se troppo grandi ristrinse, conforme le circostanze, e l’uso che se ne volea fare, chiedessero: onde la piccolezza insufficiente l’ampiezza soverchia dessero adito a’nemici. Per questo di Mocagiana, che in addietro consisteva in una sola torre, fece un castello, che oggi è opera compiutissima; ed Almo, dianzi troppo vasto, ridusse a stretto giro, senza pericolo che i nemici possano espugnarlo. In molti altri luoghi parimente trovato avendo non esservi a difesa che una sola torre, debole tanto da non dare alcuna fatica a chi volesse impadronirsene, egli fece costruire un castello fortissimo, siccome fece a Tricesa, e a Putedina. Meravigliosamente poi tutte le fortificazioni di Cebro, cadute in rovina, rinnovò; e in Bigrana edificò un nuovo castello, ed un altro in Ono, ove prima non v’era che una torre; e come non molto lungi da quel luogo rimanevano i soli vestigii di una città, statavi prima, tutta intera per benefizio di Giustiniano Augusto risorse nuova, e ben popolata, ritenendo l’omai dimenticato suo antico nome, che è quello di Augusta. In simil modo le rovine riparò della rocca di Edabe; e la città di Variante rilevò dalle sue rovine; e cinse Valeriana di mura, essendo dianzi nuda di ogni difesa.
   
 
Quindi pose cura a’luoghi non giacenti sul fiume, ma da esso remoti, e da lungo tempo rovinosi, di forti mura cingendoli, come fece a Castrammarte, a Zetnocorto e ad Isco. Presso il fiume poi al castello detto degli Unni, oltre molte altre provvigioni fattevi, aggiunse diligentissima attenzione a quanto potevano richiedere le mura. Poco lungi dal castello degli Unni
 
Quindi pose cura a’luoghi non giacenti sul fiume, ma da esso remoti, e da lungo tempo rovinosi, di forti mura cingendoli, come fece a Castrammarte, a Zetnocorto e ad Isco. Presso il fiume poi al castello detto degli Unni, oltre molte altre provvigioni fattevi, aggiunse diligentissima attenzione a quanto potevano richiedere le mura. Poco lungi dal castello degli Unni
406

contributi