Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/33"

  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 75%
+
Pagine SAL 100%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|2838}}--><noinclude>sconvenga </noinclude>allo stile, sono altresí costretti di tenere anche questo, per cosí dire, a mezz’aria, e di familiarizzarlo. Onde accade che questi tali poeti e scrittori sappiano di familiare anche ai posteri, quando le loro parole e forme, già divenute abbastanza lontane dall’uso comune, hanno pure acquistato quel che bisogna ad essere elegantissime, perloché già elle come tali s’adoprano dagli scrittori e poeti della nazione, ne’ piú alti stili. Ma non essendo elle ancora eleganti a’ tempi di que’ poeti e scrittori, questi dovettero assumere un tuono e uno stile adattato a parole non eleganti, e un’aria, una maniera, nel totale, domestica e familiare, le quali cose ancora restano, e queste qualità ancora si sentono, come nel {{AutoreCitato|Francesco Petrarca|Petrarca}}, benché l’eleganza sia sopravvenuta alle loro parole e a’ loro modi che non l’avevano, com’é sopravvenuta, e somma, a quei del {{AutoreCitato|Francesco Petrarca|Petrarca}}. Queste considerazioni si possono fare, e questi effetti si scorgono, massimamente ne’ poeti, non solo perché gli scrittori primitivi di una lingua e i fondatori di una letteratura <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|2839}} sono per lo piú poeti, ma perché mancando ad essi la detta materia dell’eleganza niente meno che a’ prosatori, questa mancanza e lo stile familiare che ne risulta è molto piú sensibile in essi che nella prosa, la quale non ha bisogno di voci o frasi molto rimote dall’uso comune per esser elegante di quella eleganza che le conviene, e deve sempre tener qualche poco del familiare. Quindi avviene che lo stile del {{AutoreCitato|Giovanni Boccaccio|Boccaccio}}, benché familiare anch’esso, massime ad ora ad ora, pur ci sa meno familiare, e ci rende piú il senso dell’eleganza e della squisitezza che quello del {{AutoreCitato|Francesco Petrarca|Petrarca}}, e dimostra meno sprezzatura, ch’é però nel {{AutoreCitato|Francesco Petrarca|Petrarca}} bellissima. Cosí è: la condizione del poeta e del prosatore in quel tempo, quanto ai materiali che si trovano aver nella lingua, è la stessa (a differenza de’ tempi nostri che abbiamo appoco appoco acquistato un linguaggio poetico tutto<section end=2 />
+
<section begin="1" /><!--{{ZbPagina|2838}}-->{{Pt|sconvenga |disconvenga }}allo stile, sono altresí costretti di tenere anche questo, per cosí dire, a mezz’aria, e di familiarizzarlo. Onde accade che questi tali poeti e scrittori sappiano di familiare anche ai posteri, quando le loro parole e forme, già divenute abbastanza lontane dall’uso comune, hanno pure acquistato quel che bisogna ad essere elegantissime, perloché già elle come tali s’adoprano dagli scrittori e poeti della nazione ne’ piú alti stili. Ma non essendo elle ancora eleganti a’ tempi di que’ poeti e scrittori, questi dovettero assumere un tuono e uno stile adattato a parole non eleganti, e un’aria, una maniera, nel totale, domestica e familiare, le quali cose ancora restano, e queste qualità ancora si sentono, come nel {{AutoreCitato|Francesco Petrarca|Petrarca}}, benché l’eleganza sia sopravvenuta alle loro parole e a’ loro modi che non l’avevano, com’é sopravvenuta, e somma, a quei del Petrarca. Queste considerazioni si possono fare, e questi effetti si scorgono, massimamente ne’ poeti, non solo perché gli scrittori primitivi di una lingua e i fondatori di una letteratura <section end="1" /><section begin="2" />{{ZbPagina|2839}} sono per lo piú poeti, ma perché, mancando ad essi la detta materia dell’eleganza, niente meno che a’ prosatori, questa mancanza e lo stile familiare che ne risulta è molto piú sensibile in essi che nella prosa, la quale non ha bisogno di voci o frasi molto rimote dall’uso comune per esser elegante di quella eleganza che le conviene, e deve sempre tener qualche poco del familiare. Quindi avviene che lo stile del {{AutoreCitato|Giovanni Boccaccio|Boccaccio}}, benché familiare anch’esso, massime ad ora ad ora, pur ci sa meno familiare, e ci rende piú il senso dell’eleganza e della squisitezza che quello del Petrarca, e dimostra meno sprezzatura, ch’é però nel Petrarca bellissima. Cosí è: la condizione del poeta e del prosatore in quel tempo, quanto ai materiali che si trovano aver nella lingua, è la stessa (a differenza de’ tempi nostri che abbiamo a poco a poco acquistato un linguaggio poetico tutto<section end="2" />
5 597

contributi