Differenze tra le versioni di "Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/265"

m
nessun oggetto della modifica
m
m
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 5: Riga 5:
 
<poem>{{smaller|Pag. 220.}}{{spazi|10}}{{§|magnanimos|[[Catullo e Lesbia/Traduzione/Parte quarta. Discordia finale/25. A Celio - LVIII Ad Caelium#magnanimos|''Glubit magnanimos Remi nepotes.'']]}}</poem>
 
<poem>{{smaller|Pag. 220.}}{{spazi|10}}{{§|magnanimos|[[Catullo e Lesbia/Traduzione/Parte quarta. Discordia finale/25. A Celio - LVIII Ad Caelium#magnanimos|''Glubit magnanimos Remi nepotes.'']]}}</poem>
   
Cosi il {{Ac|Antonio Partenio|Partenio}}, il {{Ac|Marc-Antoine Muret|Mureto}}, lo {{Ac|Achille Stazio|Stazio}} e il {{Ac|Karl Lachmann|Lachmanno}}; il {{Ac|Gerardo Giovanni Vossio|Vossio}}, ''magnanimi,'' col favore dei MS, che hanno ''magna admiremini.'' Certo l’epiteto di magnanimo si può convenire a Remo, cui la magnanimità, si crede, esser stata fatale; ma qui non si tratta di Remo, ma bensì dei suoi discendenti degeneri, che si fanno straccare e spogliare da Lesbia per le vie e per le piazze; e l’aggettivo di ''magnanimi'' dato a loro in tal punto e per tal bravura e con tal’amara ironia, esprime tutto il disprezzo che sente il poeta per tutta quella bordaglia, a cui la sua donna si prodigava vilmente.
+
Cosi il {{Ac|Antonio Partenio|Partenio}}, il {{Ac|Marc-Antoine Muret|Mureto}}, lo {{Ac|Achille Stazio|Stazio}} e il {{Ac|Karl Lachmann|Lachmanno}}; il {{Ac|Isaac Vossius|Vossio}}, ''magnanimi,'' col favore dei MS, che hanno ''magna admiremini.'' Certo l’epiteto di magnanimo si può convenire a Remo, cui la magnanimità, si crede, esser stata fatale; ma qui non si tratta di Remo, ma bensì dei suoi discendenti degeneri, che si fanno straccare e spogliare da Lesbia per le vie e per le piazze; e l’aggettivo di ''magnanimi'' dato a loro in tal punto e per tal bravura e con tal’amara ironia, esprime tutto il disprezzo che sente il poeta per tutta quella bordaglia, a cui la sua donna si prodigava vilmente.
   
   
Riga 17: Riga 17:
 
<poem>{{smaller|Pag. {{ec|220|222}}.}}{{spazi|10}}{{§|numine|[[Catullo e Lesbia/Traduzione/Parte quarta. Discordia finale/26. A sè stesso - LXXVI Ad seipsum#numine|''Divum ad fallendos numine abusum homines.'']]}}</poem>
 
<poem>{{smaller|Pag. {{ec|220|222}}.}}{{spazi|10}}{{§|numine|[[Catullo e Lesbia/Traduzione/Parte quarta. Discordia finale/26. A sè stesso - LXXVI Ad seipsum#numine|''Divum ad fallendos numine abusum homines.'']]}}</poem>
   
''Numine'' legge il {{Ac|Palladio Negri|Fusco}}, il {{Ac|Antonio Partenio|Partenio}} e i migliori codici: ''nomine'' il {{Ac|Gerardo Giovanni Vossio|Vossio}}, perch’è volgare, egli dice: ''pueros talis, viros jurejurando optime falli.''<section end="va26" />
+
''Numine'' legge il {{Ac|Palladio Negri|Fusco}}, il {{Ac|Antonio Partenio|Partenio}} e i migliori codici: ''nomine'' il {{Ac|Isaac Vossius|Vossio}}, perch’è volgare, egli dice: ''pueros talis, viros jurejurando optime falli.''<section end="va26" />
7 059

contributi