Pagina:Basile - Lu cunto de li cunti, Vol.I.djvu/232: differenze tra le versioni

+1
(+1)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
Le quale scritte a na carta, e lecenziate l’autre, s’auzaro co la schiava da sotta a lo bardacchino, e s’abbiaro palillo palillo<ref>Pian piano.</ref> a no giardino de lo palazzo stisso, dove li rame fronnute erano così ntricate, che non le poteva spartire lo sole co la perteca de li ragge. E, sedutese sotto no paveglione commegliato<ref>Coverto.</ref> da na pergola d’uva, miezzo a lo quale scorreva na gran fontana, mastro de scola de li cortesciani, che le mezzava ogne juorno de mormorare, commenzaje Tadeo così a parlare:
Le quale scritte a na carta, e lecenziate l’autre, s’auzaro
co la schiava da sotta a lo bardacchino, e s’abbiaro palillo
palillo<ref>Pian piano.</ref> a no giardino de lo palazzo stisso, dove li rame fronnute erano così ntricate, che non le poteva spartire lo sole co la perteca de li ragge. E, sedutese sotto no paveglione commegliato<ref>Coverto.</ref> da na pergola d’uva, miezzo a lo quale scorreva na gran fontana, mastro de scola de li cortesciani, che le mezzava ogne juorno de mormorare, commenzaje Tadeo così a parlare:


«Non è chiù cosa goliosa a lo munno, magne femmene meje, quanto lo sentire li fatti d’autro, nè, senza ragione veduta, chillo gran felosofo<ref>Pare una citazione burlesca.</ref> mese l’utema felicità de l’ommo in sentire cunte piacevole; pocca, ausolianno<ref>Ascoltando.</ref> cose de gusto, se spapurano l’affanne, se dà sfratto a li penziere fastidiuse e s’allonga la vita. Pe lo quale desederio vide l’artisciane lassare li funnache<ref>Fondaci.</ref>, li mercante li trafiche, li dotture le cause, li potecare le facenne, e vanno canne aperte pe le varvarie<ref>Botteghe da barbiere. Sui barbieri e stufaioli napol. cfr. Del Tufo (''ms. c.,'' f. 78-9). Il Garzoni dice: «Dei poveri barbieri non si può dir altro poi, se non che ciarlano communemente come le gaze, perchè tutte le nuove, anzi tutte le carotte, corrono in barbaria, e bealo colui che le dice più sfondrate!» (''La piazza universale'', p. 856).</ref> e pe li rotielle<ref>Circoli.</ref> de li chiacchiarune, sentenno novelle fauze<ref>(ES) ''novellanze''.</ref>, avise<ref>Così, com’è noto, si dicevano le informazioni manoscrittedi quei tempi.</ref> mentate e gazzette n’ajero<ref>In gener., notizie.</ref>.
«Non è chiù cosa goliosa a lo munno, magne femmene meje, quanto lo sentire li fatti d’autro, nè, senza ragione veduta, chillo gran felosofo<ref>Pare una citazione burlesca.</ref> mese l’utema felicità de l’ommo in sentire cunte piacevole; pocca, ausolianno<ref>Ascoltando.</ref> cose de gusto, se spapurano l’affanne, se dà sfratto a li penziere fastidiuse e s’allonga la vita. Pe lo quale desederio vide l’artisciane lassare li funnache<ref>Fondaci.</ref>, li mercante li trafiche, li dotture le cause, li potecare le facenne, e vanno canne aperte pe le varvarie<ref>Botteghe da barbiere. Sui barbieri e stufaioli napol. cfr. Del Tufo (''ms. c.,'' f. 78-9). Il Garzoni dice: «Dei poveri barbieri non si può dir altro poi, se non che ciarlano communemente come le gaze, perchè tutte le nuove, anzi tutte le carotte, corrono in barbaria, e bealo colui che le dice più sfondrate!» (''La piazza universale'', p. 856).</ref> e pe li rotielle<ref>Circoli.</ref> de li chiacchiarune, sentenno novelle fauze<ref>(ES) ''novellanze''.</ref>, avise<ref>Così, com’è noto, si dicevano le informazioni manoscrittedi quei tempi.</ref> mentate e gazzette n’ajero<ref>In gener., notizie.</ref>.
131

contributi