Pagina:Basile - Lu cunto de li cunti, Vol.I.djvu/231: differenze tra le versioni

+1
(+1)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
n’ammore nforma d’Ascanio nzino a Dedone<ref>Cfr. Verg. ''Aen''. I, 685 sgg. (Liebr. ''Anm''. I, 398).</ref>, che le mese lo fuoco mpietto. Pocca, le venne cossi caudo desederio de sentire cunte, che non potenno resistere, e dobitanno de toccarese la vocca<ref>La credenza volgare vuole che le donne gravide, quando desiderano alcuna cosa e non possono averla, se per caso si toccano in alcuna parte del corpo, in quella parte stessa del corpo del bambino verrà impresso il segno (voglia) della cosa desiderata. Perciò, nella ''Vaiass''. del Cortese, la suocera consiglia la nuora: «Se viene a scire prena, ed hai golio De quarche cosa, tiene mente a l’ogna, O te tocca la nateca!» (I, 29; e com. del Tardac, p. 70-1). Cfr. Pitrè (''Blbl''., XV, 115-20); e Liebr. {''Anm.,'' I, 397-8).</ref> e de fare no figlio, che nfettasse na nave de pezziente<ref>che appestasse una nave di pezzenti. Temeva, col toccarsi la bocca, di fare un figlio straordinariamente chiacchierone e noioso.</ref>, chiammaje lo marito e le disse: ''Si no venire gente, e cunte contare, mi punia a ventre dare e Giorgetiello mazzoccare!'' Tadeo, pe levarese sta cura de marzo<ref>Seccatura, molestia. Sul mese di Marzo, e i torti, che gli si attribuiscono, cfr. V, 2.</ref> da tuorno, fece subeto jettare no banno: che tutte le femmene de chillo paese fossero venute lo tale juorno. Ne lo quale, a lo spuntare de la stella Diana, che sceta l’arba ad aparare le strate, pe dove ha da spassiare lo sole, se trovaro tutte a lo luoco destinato. Ma, non parenno a Tadeo de tenere tanta marmaglia mpeduta pe no gusto particolare de la mogliere, otra che l’affocava de vedere tanta folla, ne scegliette solamente dece, le meglio de la cetate, che le parzero chiù provecete<ref>Pronte, svelte.</ref> e parlettere, che foro: Zeza scioffata, Cecca storta, Meneca vozzolosa, Tolla nasuta, Pepa scartellata, Antonella vavosa, Giulia mossuta, Paola sgargiata, Ciommetella zellosa e Jacova squacquarata<ref name="p231n108">Pei nomi, s’avverta che ''Zeza'' è Lucrezia; ''Cecca'', Francesca; ''Meneca'', Domenica; ''Tolla'', Vittoria; ''Popa'', Giuseppa; ''Ciulla'', Giulia; ''Ciommetella'', Girolama. Che, a quel tempo, erano diminutivi molto</ref>.
n’ammore nforma d’Ascanio nzino a Dedone<ref>Cfr. Verg. ''Aen''. I, 685 sgg. (Liebr. ''Anm''. I, 398).</ref>, che le mese lo fuoco mpietto. Pocca, le venne cossì caudo desederio de sentire cunte, che non potenno resistere, e dobitanno de toccarese la vocca<ref>La credenza volgare vuole che le donne gravide, quando desiderano alcuna cosa e non possono averla, se per caso si toccano in alcuna parte del corpo, in quella parte stessa del corpo del bambino verrà impresso il segno (voglia) della cosa desiderata. Perciò, nella ''Vaiass''. del Cortese, la suocera consiglia la nuora: «Se viene a scire prena, ed hai golio De quarche cosa, tiene mente a l’ogna, O te tocca la nateca!» (I, 29; e com. del Tardac, p. 70-1). Cfr. Pitrè (''Blbl''., XV, 115-20); e Liebr. {''Anm.,'' I, 397-8).</ref> e de fare no figlio, che nfettasse na nave de pezziente<ref>che appestasse una nave di pezzenti. Temeva, col toccarsi la bocca, di fare un figlio straordinariamente chiacchierone e noioso.</ref>, chiammaje lo marito e le disse: ''Si no venire gente, e cunte contare, mi punia a ventre dare e Giorgetiello mazzoccare!'' Tadeo, pe levarese sta cura de marzo<ref>Seccatura, molestia. Sul mese di Marzo, e i torti, che gli si attribuiscono, cfr. V, 2.</ref> da tuorno, fece subeto jettare no banno: che tutte le femmene de chillo paese fossero venute lo tale juorno. Ne lo quale, a lo spuntare de la stella Diana, che sceta l’arba ad aparare le strate, pe dove ha da spassiare lo sole, se trovaro tutte a lo luoco destinato. Ma, non parenno a Tadeo de tenere tanta marmaglia mpeduta pe no gusto particolare de la mogliere, otra che l’affocava de vedere tanta folla, ne scegliette solamente dece, le meglio de la cetate, che le parzero chiù provecete<ref>Pronte, svelte.</ref> e parlettere, che foro: Zeza scioffata, Cecca storta, Meneca vozzolosa, Tolla nasuta, Pepa scartellata, Antonella vavosa, Giulia mossuta, Paola sgargiata, Ciommetella zellosa e Jacova squacquarata<ref name="p231n108">Pei nomi, s’avverta che ''Zeza'' è Lucrezia; ''Cecca'', Francesca; ''Meneca'', Domenica; ''Tolla'', Vittoria; ''Popa'', Giuseppa; ''Ciulla'', Giulia; ''Ciommetella'', Girolama. Che, a quel tempo, erano diminutivi molto</ref>.
131

contributi