Differenze tra le versioni di "Dei difetti della giurisprudenza"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: semplificazione Template:Intestazione)
:''Delle leggi romane e de’ loro interpreti''
* {{Testo|/Capitolo VI}}
:''Delle difficoltà di conoscere il giusto e l’ ingiustol’ingiusto in assaissimi casi''
* {{Testo|/Capitolo VII}}
:''De i giudici e de i lor difetti''
:''De’ pregi e difetti degli avvocati e d’ altri ministri della giurisprudenza''
* {{Testo|/Capitolo IX}}
:''Se sia possibile il dare miglior sesto alla giurisprudenza d’ oggidìd’oggidì''
* {{Testo|/Capitolo X}}
:''Se fosse ben fatto ed utile il ridurre tutta la giurisprudenza al solo studio de i testi delle leggi''
:''Dei fideicommissi, maggioraschi, primogeniture, e sustituzioni''
* {{Testo|/Capitolo XVIII}}
:''Se sia da preferire il metodo de’ Greci e Latini nell’ agitarnell’agitar le cause civili e criminali, o pure quel de’ moderni''
* {{Testo|/Capitolo XIX}}
:''Saggio di alcune conclusioni intorno a certi punti controversi nella giurisprudenza, proposto ali’ esameall’esame di chi ha l’ autoritàl’autorità di far leggi e statuti''
* {{Testo|/Capitolo XX}}
:''Conclusione dell’ operadell’opera''
 
 
[[Categoria:Testi-D]]
[[Categoria:Letteratura-D]]
[[Categoria:Testi del XVIII secolo]]
[[Categoria:Opere letterarie del XVIII secolo]]
[[Categoria:Testi del 1742]]
[[Categoria:Opere letterarie del 1742]]
[[Categoria:Saggi]]