Pagina:Basile - Lu cunto de li cunti, Vol.I.djvu/229: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
disse: ''Si no avere chella piccinossa''<ref>(ES) ''piscinosa''. — Storpiatura, forse, di: piccina?</ref>'', che cantare, mi punia a ventre dare, e Giorgetiello mazzoccare!'' Lo prencepe, che s’aveva fatto mettere la varda a bernaguallà<ref>Che era uno degli epiteti, che si dava alla Lucia del ballo, pel quale v. ''n.'' 18, p. ''F. Bernagualà'', dice il Del Tufo; ''bernovallà'' è scritto sotto l’incisione del Callot; ''pernovallà'', lo Sgruttendio. Così, per indicare una turca ou na schiava. Cfr. V, 9.</ref>, mannaje subeto a Zoza, se nce lo voleva vennere. La quale respose che n’era mercantessa, ma che, se lo voleva nduono, se lo pigliasse, ca ne le faceva no presiento. Tadeo, che allancava<ref>Trafelava.</ref> pe tenere contenta la mogliere, azzò le portasse a luce lo partoro, azzettaje l’offerta. Ma, da llà a quattro autre juorne, Zoza, aperta la castagna, ne scette na voccola<ref>Chioccia.</ref> co dudece pollecine d’oro. Li quale<ref>(EO) ''la quale''.</ref> puoste ncoppa la medesema fenestra, e viste da la schiava, ne le venne golio dall’ossa pezzelle<ref>Malleoli.</ref>, e chiammato Tadeo, e mostratole così bella cosa, le disse: ''Si chilla voccola no pigliare, mi punia a ventre dare e Giorgetiello mazzoccare''. E Tadeo, che se lassava pigliare de fìlatielle<ref>Intimorire.</ref> e joquare de coda da sta perra cana<ref>''Perro'' (spagn.), cane. In una canzone popolare del tempo: «Canazza perra, nata mBarvaria!» (''MN.,'' IX).</ref>, mannaje de nuovo a Zoza, offerennole quanto sapesse addemannare pe priezzo d’accossì bella voccola. Da la quale appe la stessa resposta de mprimmo, che nduono se l’avesse pigliato, ca pe termene de venneta nce perdeva lo tiempo. E isso, che non poteva farene de manco, fece dare dalla necessetà mazzafranca<ref>Allusione al giuoco detto ''mazza e piuzo'', nel quale la sospensione del giocare si chiede colla parola: ''mazzafranca''. V. il Tardacino (''o. c.,'' p. 179-80). Int.: La necessità sospende la discrezione.</ref> alla descrezzione;
disse: ''Si no avere chella piccinossa''<ref>(ES) ''piscinosa''. — Storpiatura, forse, di: piccina?</ref>'', che cantare, mi punia a ventre dare, e Giorgetiello mazzoccare!'' Lo prencepe, che s’aveva fatto mettere la varda a bernaguallà<ref>Che era uno degli epiteti, che si dava alla Lucia del ballo, pel quale v. ''n.'' 18, p. ''F. Bernagualà'', dice il Del Tufo; ''bernovallà'' è scritto sotto l’incisione del Callot; ''pernovallà'', lo Sgruttendio. Così, per indicare una turca ou na schiava. Cfr. V, 9.</ref>, mannaje subeto a Zoza, se nce lo voleva vennere. La quale respose che n’era mercantessa, ma che, se lo voleva nduono, se lo pigliasse, ca ne le faceva no presiento. Tadeo, che allancava<ref>Trafelava.</ref> pe tenere contenta la mogliere, azzò le portasse a luce lo partoro, azzettaje l’offerta. Ma, da llà a quattro autre juorne, Zoza, aperta la castagna, ne scette na voccola<ref>Chioccia.</ref> co dudece pollecine d’oro. Li quale<ref>(EO) ''la quale''.</ref> puoste ncoppa la medesema fenestra, e viste da la schiava, ne le venne golio dall’ossa pezzelle<ref>Malleoli.</ref>, e chiammato Tadeo, e mostratole così bella cosa, le disse: ''Si chilla voccola no pigliare, mi punia a ventre dare e Giorgetiello mazzoccare''. E Tadeo, che se lassava pigliare de filatielle<ref>Intimorire.</ref> e joquare de coda da sta perra cana<ref>''Perro'' (spagn.), cane. In una canzone popolare del tempo: «Canazza perra, nata mBarvaria!» (''MN.,'' IX).</ref>, mannaje de nuovo a Zoza, offerennole quanto sapesse addemannare pe priezzo d’accossì bella voccola. Da la quale appe la stessa resposta de mprimmo, che nduono se l’avesse pigliato, ca pe termene de venneta nce perdeva lo tiempo. E isso, che non poteva farene de manco, fece dare dalla necessetà mazzafranca<ref>Allusione al giuoco detto ''mazza e piuzo'', nel quale la sospensione del giocare si chiede colla parola: ''mazzafranca''. V. il Tardacino (''o. c.,'' p. 179-80). Int.: La necessità sospende la discrezione.</ref> alla descrezzione;
<ref follow="p228n86">cantava, mirabilmente, le sue più belle canzoni. (Sgruttendio. ''o. c.,'' G. VII, p. 197-8). Del ''Cecato de Potenza'' e del ''Re de l’Aucielle o de la museca'', non parlano altri scrittori, fuori del N.</ref>
<ref follow="p228n86">cantava, mirabilmente, le sue più belle canzoni. (Sgruttendio. ''o. c.,'' G. VII, p. 197-8). Del ''Cecato de Potenza'' e del ''Re de l’Aucielle o de la museca'', non parlano altri scrittori, fuori del N.</ref>
131

contributi