Pagina:Basile - Lu cunto de li cunti, Vol.I.djvu/227: differenze tra le versioni

+1
(+1)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
l’accasione, le levaje destramente la lancella da sotta, e, puostoce l’uecchio ncoppa, nquattro pizzeche la sopranchiette; ch’a pena fu rasa, che lo prencepe, comme si se scetasse da no gran suonno, s’auzaje da chella cascia de preta janca, e s’afferraje a chella massa de carne negra. E, carriannola subito a lo palazzo sujo, facenno feste e lumenarie de truono<ref>Grandi, meravigliose.</ref>, se la pigliaje pe mogliere. Ma, scetata che fu Zoza, e trovanno jettata la lancella e, co la lancella, le speranze soje, e bisto la cascia aperta, se le chiuse lo core de sorte, che stette mpizzo<ref>In punto.</ref> de sballare li fagotto de l’arma a la doana de la morte. All’uteme, vedenno ca a lo male sujo non c’era remmedio, e che non se poteva lamentare d’autro, che de l’uecchie suoje, che avevano male guardato la vitella de le speranze soje, s’abbiaje pede catapede<ref>L’un piede dietro l’altro; a passo a passo.</ref> dinto la cetate. Dove, ntiso le feste de lo prencepe e la bella razza de mogliere, che aveva pigliato, se maginaje subeto comme poteva passare sto negozio, e disse sospirando: che doi cose negre l’avevano posta nchiana terra<ref>In piana terra, sulla nuda terra.</ref>, lo suonno e na schiava. Pure, pe tentare ogne cosa possibile contro la morte (da la quale se defenne quanto chiù po ogne anomale), pigliaje na bella casa faccefronte lo palazzo de lo prencepe; da dove, non potenno vedere l’idolo de lo core sujo, contemprava a lo manco le mura de lo tempio, dove se chiudeva lo bene, che desederava. Ma, essenno vista no juorno da Tadeo, che, comm’a sporteglione<ref>Pipistrello.</ref>, volava sempre ntuorno a chella negra notte de la schiava, diventaje n’aquila in tener mente fitto ne la perzona de Zoza, lo scassone<ref>Eccesso, colmo.</ref> de li privilegie de la natura e lo fora-me-ne-chiammo de li termene de la
l’accasione, le levaje destramente la lancella da sotta, e, puostoce l’uecchio ncoppa, nquattro pizzeche la sopranchiette; ch’a pena fu rasa, che lo prencepe, comme si se scetasse da no gran suonno, s’auzaje da chella cascia de preta janca, e s’afferraje a chella massa de carne negra. E, carriannola subito a lo palazzo sujo, facenno feste e lumenarie de truono<ref>Grandi, meravigliose.</ref>, se la pigliaje pe mogliere. Ma, scetata che fu Zoza, e trovanno jettata la lancella e, co la lancella, le speranze soje, e bisto la cascia aperta, se le chiuse lo core de sorte, che stette mpizzo<ref>In punto.</ref> de sballare li fagotto de l’arma a la doana de la morte. All’uteme, vedenno ca a lo male sujo non c’era remmedio, e che non se poteva lamentare d’autro, che de l’uecchie suoje, che avevano male guardato la vitella de le speranze soje, s’abbiaje pede catapede<ref>L’un piede dietro l’altro; a passo a passo.</ref> dinto la cetate. Dove, ntiso le feste de lo prencepe e la bella razza de mogliere, che aveva pigliato, se maginaje subeto comme poteva passare sto negozio, e disse sospirando: che doi cose negre l’avevano posta nchiana terra<ref>In piana terra, sulla nuda terra.</ref>, lo suonno e na schiava. Pure, pe tentare ogne cosa possibile contro la morte (da la quale se defenne quanto chiù po ogne anemale), pigliaje na bella casa faccefronte lo palazzo de lo prencepe; da dove, non potenno vedere l’idolo de lo core sujo, contemprava a lo manco le mura de lo tempio, dove se chiudeva lo bene, che desederava. Ma, essenno vista no juorno da Tadeo, che, comm’a sporteglione<ref>Pipistrello.</ref>, volava sempre ntuorno a chella negra notte de la schiava, diventaje n’aquila in tener mente fitto ne la perzona de Zoza, lo scassone<ref>Eccesso, colmo.</ref> de li privilegie de la natura e lo fora-me-ne-chiammo de li termene de la
131

contributi