Pagina:Basile - Lu cunto de li cunti, Vol.I.djvu/226: differenze tra le versioni

+1
(+1)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
matina appe n’autra lettera all’autra sore, co na castagna, dannole lo stisso avertemiento, che le fu dato co la noce. E, dapò avere caminato, jonze a lo castiello de la fata, che, fattole mille carizze, a lo partirese, la matina, le consignaje na nocella co la stessa protesta; che no l’apresse maje, se la necessità no la scannava. Aùte sto cose Zoza, se mese le gamme ncuollo, e tanta votaje paise, tanta passaje vuosche e shiommare, che, dapò sett’anne, appunto quanno lo sole ha puosto sella pe correre le solite poste, scetato da le cornette de li galli, arrivaje quase scodata a Campo retunno. Dove, primma che trasire a la cetate, vedde na sebetura de marmoro, a pede na fontana, che, pe vederese dinto no cremmenale<ref>Carcere.</ref> de porfeto, chiagneva lagreme de cristallo. Da dove levato la lancella, che nc’era appesa, e postasella miezo a le gamme, commenzaje a fare li duje simele<ref>Allusione ai ''simili'', argomento di tante comedie.</ref> co la fontana, e non auzanno mai la capo da lo voccaglio<ref>Bocca.</ref> de la lancella; tanto che, manco termene de duje juorne, era arrivata doi deta sopra lo cuollo, che non ce mancavano due autre deta ed era varra<ref>Colma.</ref>. Ma, pe tanto trivoliare, essenno stracqua, fu, non volenno, gabbata da lo snonno; de manera che fu costretta d’alloggiare no paro d’ore sotto la tenna de le parpetole. Fra lo quale tiempo, na certa schiava gamme de grillo, venenno spisso a nchire no varrile a chella fontana, e sapenno la cosa do lo spetaffio, che se ne parlava pe tutto, comme vedde chiagnere tanto Zoza, che faceva dui piscericole de chianto, stette facenno sempre le guattarelle<ref>Spiando.</ref>, aspettanno che la lancella atesse a buon termene, pe guadagnarele de mano sto bello riesto, e farela restare co na vranca de mosche mmano<ref>(EO) ''mano''.</ref>. E, comme la vedde addormuta, servennose de
matina appe n’autra lettera all’autra sore, co na castagna, dannole lo stisso avertemiento, che le fu dato co la noce. E, dapò avere caminato, jonze a lo castiello de la fata, che, fattole mille carizze, a lo partirese, la matina, le consignaje na nocella co la stessa protesta; che no l’apresse maje, se la necessità no la scannava. Aùte sto cose Zoza, se mese le gamme ncuollo, e tanta votaje paise, tanta passaje vuosche e shiommare, che, dapò sett’anne, appunto quanno lo sole ha puosto sella pe correre le solite poste, scetato da le cornette de li galli, arrivaje quase scodata a Campo retunno. Dove, primma che trasire a la cetate, vedde na sebetura de marmoro, a pede na fontana, che, pe vederese dinto no cremmenale<ref>Carcere.</ref> de porfeto, chiagneva lagreme de cristallo. Da dove levato la lancella, che nc’era appesa, e postasella miezo a le gamme, commenzaje a fare li duje simele<ref>Allusione ai ''simili'', argomento di tante comedie.</ref> co la fontana, e non auzanno mai la capo da lo voccaglio<ref>Bocca.</ref> de la lancella; tanto che, manco termene de duje juorne, era arrivata doi deta sopra lo cuollo, che non ce mancavano due autre deta ed era varra<ref>Colma.</ref>. Ma, pe tanto trivoliare, essenno stracqua, fu, non volenno, gabbata da lo suonno; de manera che fu costretta d’alloggiare no paro d’ore sotto la tenna de le parpetole. Fra lo quale tiempo, na certa schiava gamme de grillo, venenno spisso a nchire no varrile a chella fontana, e sapenno la cosa do lo spetaffio, che se ne parlava pe tutto, comme vedde chiagnere tanto Zoza, che faceva dui piscericole de chianto, stette facenno sempre le guattarelle<ref>Spiando.</ref>, aspettanno che la lancella atesse a buon termene, pe guadagnarele de mano sto bello riesto, e farela restare co na vranca de mosche mmano<ref>(EO) ''mano''.</ref>. E, comme la vedde addormuta, servennose de
131

contributi