Pagina:Basile - Lu cunto de li cunti, Vol.I.djvu/224: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
{{Pt|chie|vernacchie}}<ref>Coreggia, o rumore colla bocca a imitazione della coreggia, fatto per dispregio d’alcuno.</ref>?». La vecchia, che se sentette la nova de la casa soja, venne ntanta zirria<ref>Stizza. </ref>, che, perdenno la vùsciola de la fremma<ref>Bussola della flemma.</ref> e scapolanno da la stalla de la pacienza, auzato la tela de l’apparato, fece vedere la scena voscareccia, dove potea dire Sirvio: ''Ite sveglianno gli occhi col corno''<ref>Nel ''Pastor fido'' (I, I), dice Silvio: «Ite, voi che chiudeste L’orribil fera, a dar l’usato segno Della futura caccia: ''ite svegliando Gli occhi col corno''».</ref>! Lo quale spettacolo visto da Zoza, le venne tale riso, ch’appe ad ashevolire<ref>Sdilinquire, venir meno. </ref>. La vecchia, vedennoso dare la quatra<ref>Beffare.</ref>, venne ntanta arraggia, che, votato na caira<ref>Spagn.: faccia.</ref> da sorrejere<ref>Sbigottire.</ref> verzo de Zoza, le disse: «Va, che non puozze vedere mai sporchia<ref>Propr. germoglio. </ref> de marito, se non piglie lo prencepe de Campo retunno!» Zoza, che sentette ste parole, fece chiammare la vecchia, e voze sapere ad ogne cunto se l’aveva ngiuriata o jastemmata. E la vecchia respose: «Ora sacce ca sto prencepe, che t’aggio mentovato, è na pentata<ref>Vaga, leggiadra.</ref> criatura, e chiammato Tadeo; lo quale, pe na jastemma do na fata, avenno dato l’utema mano a lo quatro de la vita, è stato puosto dinto na sebetura, fora le mura de la cetate; dov’è no spetaffio scritto a na preta: che qualesevoglia femmena, che nchiarrà<ref>Empirà.</ref> de chianto ntre juorne na lancella<ref>Anfora.</ref>, che là medesemo stace appesa a no crocco, lo farà resorzetare e pigliarrà pe marito; e, perchè è mpossibele che dui uocchie umane pozzane piscioliare tanto, che facciano zeppa na lancella cosi granne, che leva miezo staro (si non fosse, comme aggio ntiso dicere, chella Geria, che se fece, a
{{Pt|chie|vernacchie}}<ref>Coreggia, o rumore colla bocca a imitazione della coreggia, fatto per dispregio d’alcuno.</ref>?». La vecchia, che se sentette la nova de la casa soja, venne ntanta zirria<ref>Stizza. </ref>, che, perdenno la vùsciola de la fremma<ref>Bussola della flemma.</ref> e scapolanno da la stalla de la pacienza, auzato la tela de l’apparato, fece vedere la scena voscareccia, dove potea dire Sirvio: ''Ite sveglianno gli occhi col corno''<ref>Nel ''Pastor fido'' (I, I), dice Silvio: «Ite, voi che chiudeste L’orribil fera, a dar l’usato segno Della futura caccia: ''ite svegliando Gli occhi col corno''».</ref>! Lo quale spettacolo visto da Zoza, le venne tale riso, ch’appe ad ashevolire<ref>Sdilinquire, venir meno. </ref>. La vecchia, vedennoso dare la quatra<ref>Beffare.</ref>, venne ntanta arraggia, che, votato na caira<ref>Spagn.: faccia.</ref> da sorrejere<ref>Sbigottire.</ref> verzo de Zoza, le disse: «Va, che non puozze vedere mai sporchia<ref>Propr. germoglio. </ref> de marito, se non piglie lo prencepe de Campo retunno!» Zoza, che sentette ste parole, fece chiammare la vecchia, e voze sapere ad ogne cunto se l’aveva ngiuriata o jastemmata. E la vecchia respose: «Ora sacce ca sto prencepe, che t’aggio mentovato, è na pentata<ref>Vaga, leggiadra.</ref> criatura, e chiammato Tadeo; lo quale, pe na jastemma de na fata, avenno dato l’utema mano a lo quatro de la vita, è stato puosto dinto na sebetura, fora le mura de la cetate; dov’è no spetaffio scritto a na preta: che qualesevoglia femmena, che nchiarrà<ref>Empirà.</ref> de chianto ntre juorne na lancella<ref>Anfora.</ref>, che là medesemo stace appesa a no crocco, lo farà resorzetare e pigliarrà pe marito; e, perchè è mpossibele che dui uocchie umane pozzane piscioliare tanto, che facciano zeppa na lancella cosi granne, che leva miezo staro (si non fosse, comme aggio ntiso dicere, chella Geria, che se fece, a
131

contributi