Pagina:Basile - Lu cunto de li cunti, Vol.I.djvu/222: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
gran fontana d’ueglio nante la porta de lo palazzo, co designo che, sghizzanno a lo passare de la gente (che facevano comm’a formiche lo vacaviene pe chella strata), pe non se sodognere<ref>Ungersi. </ref> li vestite, averriano fatte zumpe<ref>Salti. </ref> de grille, sbauze de crapejo e corzete de leparo, sciulianno e morrannose<ref>Urtandosi.</ref> chisto e chillo, potesse soccedere cosa, pe la quale se scoppasse a ridere. Fatto, adonca, sta fontana, e stanno Zoza a la fenestra, tanto composta, ch’era tutta acito<ref>''Composta'', nome collettivo di varie cose solite a conservarsi nell’aceto; di qui il bisticcio.</ref>, venne a sciorte na vecchia, la quale, azzopanno co na spogna l’ueglio, ne nchieva n’agliariello<ref>Dimin. d’ ''agliaro'': vaso per olio, di terracotta, di stagno.</ref>, c’aveva portato. E, mentre, tutta affacennata, faceva sta marcancegna<ref>Propr.: astuzia; qui, operazione.</ref>, no cierto tentillo<ref>Diavolo. </ref> paggio de corte tiraje na vrecciolla<ref>Sassolino. </ref>, così a pilo, che, cogliuto l’agliaro, ne fece frecole<ref>Frantumi. </ref>. Pe la quale cosa, la vecchia, che non aveva pilo a la lengua, nè portava ngroppa, votatose a lo paggio, commenzaje a direle: «Ah zaccaro<ref>Fanciullo.</ref>, frasca, merduso, piscialietto, sautariello de zimmaro<ref>Propr.: salterello di cembalo. — Forse: vispo, irrequieto?</ref>, pettola a culo<ref>''Pettola'', falda della camicia, che vien fuori dallo sparato dei calzoncini dei bambini.</ref>, chiappo de mpiso<ref>Cappio (nodo scorsoio) d’impiccato; come a dire: ''furcife''r.</ref>, mulo canzirro<ref>Mulo nato di cavallo e d’asina; qui, bastardo. Il Del Tufo, parlando dei bastardi: «Quell’altro (al nostro dir) mulo canzirro» (''ms''. ''c'', f. 74).</ref>!; ente<ref>Ecco, vedi.</ref> ca puro li pulece hanno la tosse<ref>Cfr. Pitrè, ''Prov. napol'', in ''Arch. per lo st., trad., pop.'', III, 289.</ref>!, va, che te venga cionchia<ref>Paralisia.</ref>!, che «mammata ne senta la mala nova!, che non ce vide lo
gran fontana d’ueglio nante la porta de lo palazzo, co designo che, sghizzanno a lo passare de la gente (che facevano comm’a formiche lo vacaviene pe chella strata), pe non se sodognere<ref>Ungersi. </ref> li vestite, averriano fatte zumpe<ref>Salti. </ref> de grille, sbauze de crapejo e corzete de leparo, sciulianno e morrannose<ref>Urtandosi.</ref> chisto e chillo, potesse soccedere cosa, pe la quale se scoppasse a ridere. Fatto, adonca, sta fontana, e stanno Zoza a la fenestra, tanto composta, ch’era tutta acito<ref>''Composta'', nome collettivo di varie cose solite a conservarsi nell’aceto; di qui il bisticcio.</ref>, venne a sciorte na vecchia, la quale, azzopanno co na spogna l’ueglio, ne nchieva n’agliariello<ref>Dimin. d’ ''agliaro'': vaso per olio, di terracotta, di stagno.</ref>, c’aveva portato. E, mentre, tutta affacennata, faceva sta marcancegna<ref>Propr.: astuzia; qui, operazione.</ref>, no cierto tentillo<ref>Diavolo. </ref> paggio de corte tiraje na vrecciolla<ref>Sassolino. </ref>, così a pilo, che, cogliuto l’agliaro, ne fece frecole<ref>Frantumi. </ref>. Pe la quale cosa, la vecchia, che non aveva pilo a la lengua, nè portava ngroppa, votatose a lo paggio, commenzaje a direle: «Ah zaccaro<ref>Fanciullo.</ref>, frasca, merduso, piscialietto, sautariello de zimmaro<ref>Propr.: salterello di cembalo. — Forse: vispo, irrequieto?</ref>, pettola a culo<ref>''Pettola'', falda della camicia, che vien fuori dallo sparato dei calzoncini dei bambini.</ref>, chiappo de mpiso<ref>Cappio (nodo scorsoio) d’impiccato; come a dire: ''furcife''r.</ref>, mulo canzirro<ref>Mulo nato di cavallo e d’asina; qui, bastardo. Il Del Tufo, parlando dei bastardi: «Quell’altro (al nostro dir) mulo canzirro» (''ms''. ''c'', f. 74).</ref>!; ente<ref>Ecco, vedi.</ref> ca puro li pulece hanno la tosse<ref>Cfr. Pitrè, ''Prov. napol'', in ''Arch. per lo st., trad., pop.'', III, 289.</ref>!, va, che te venga cionchìa<ref>Paralisia.</ref>!, che mammata ne senta la mala nova!, che non ce vide lo
131

contributi