Differenze tra le versioni di "Pagina:Gli sposi promessi II.djvu/184"

nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
{{Pt|plice|semplica}}, 1 sulla dabbennaggine della Signora, che aveva raccolta
+
{{Pt|plice|semplica}}, <ref>''Sic.''</ref> sulla dabbennaggine della Signora, che aveva raccolta quella mozzina. <ref>[Il fatto | Le astuzie] L’astuzia</ref> Il tiro della povera Lucia <ref>furono</ref> fu raccontato con
  +
mille particolari; si riferirono di <ref>mille</ref> lei mille altre astuzie. <ref>: se ne parlò per due giorni e</ref> Il romore giunse ben presto al monastero; già la fattora tornata a casa, non trovando Lucia, sulle prime pensò ch’ella fosse andata alla Chiesa del monastero: <ref>ved</ref> non vedendola poi <ref>arriva</ref> ricomparire, stava per andarne in cerca, quando s’intese che Lucia era stata rapita, o si era fatta rapire.<ref>Tutto</ref> II monastero fu sottosopra. La Signora (quando ci siamo rallegrati di non aver più a parlarne ci era uscito di mente <ref>[ch'ella tornerebbe in scena per] che p</ref> che <ref>l'</ref> avremmo dovuto far qui menzione di essa; ma ce ne sbrigheremo in due parole): la Signora, <ref>istrutta</ref> a tutto addottrinata, fece le maraviglie, mandò gente in cerca, non volle credere che Lucia le avesse fatto un tiro di questa sorta, disse che era pronta a metter la mano nel fuoco per quella ragazza. Mandò finalmente a chiamare il padre guardiano, che gliel’aveva raccomandata. Ma il padre guardiano, <ref>[che aveva] a cui</ref> al quale pure erano giunti i diversi romori del
quella mozzina. * Il tiro della povera Lucia 3 fu raccontato con
 
  +
fatto, era in istrada, per <ref>informarne</ref> udire dalla Signora come la faccenda fosse. La Signora si mostrò con lui come con gli altri tutta maravigliata: disse che sperava ancoraché Lucia verrebbe, che <ref>la cosa non sarebbe vera</ref> sarebbe una di quelle tante ciarle che <ref>fan</ref> mettono attorno gli scioperati. «Se <ref>mel'avesse</ref> m’avesse ingannato...» aggiunse; <ref>ma è impossibile</ref> « ma non lo posso credere di quella ragazza. Ad ogni modo io sono tanto più afflitta di questo tristo accidente,18 in quanto
mille particolari; si riferirono di * lei mille altre astuzie.1 ||
 
romore giunse ben presto al monastero; già la fattora tornata
 
a casa, non trovando Lucia, sulle prime pensò ch’ella fosse an¬
 
data alla Chiesa del monastero: * non vedendola poi1 ricom¬
 
parire, stava per andarne in cerca, quando s’intese che Lucia
 
era stata rapita, o si era fatta rapire.8 II monastero fu sotto¬
 
sopra. La Signora (quando ci siamo rallegrati di non aver più
 
a parlarne ci era uscito di mente 9 che 10 avremmo dovuto far
 
qui menzione di essa; ma ce ne sbrigheremo in due parole):
 
la Signora," a tutto addottrinata, fece le maraviglie, mandò
 
gente in cerca, non volle credere che Lucia le avesse fatto un
 
tiro di questa sorta, disse che era pronta a metter la mano
 
nel fuoco per quella ragazza. Mandò finalmente a chiamare
 
il padre guardiano, che gliel’aveva raccomandata. Ma il padre
 
guardiano,14 al quale pure erano giunti i diversi romori del
 
fatto, era in istrada, per,a udiredalla Signora come la faccenda
 
fosse. La Signora si mostrò con lui come con gli altri tutta
 
maravigliata: disse che sperava ancoraché Lucia verrebbe,
 
che14 sarebbe una di quelle tante ciarle che l!l mettono attorno
 
gli scioperati. «Se10 m’avesse ingannato...» aggiunse;11
 
« ma non lo posso credere di quella ragazza. Ad ogni modo
 
io sono tanto più afflitta di questo tristo accidente,18 in quanto
 
 
io aveva pensato seriamente ad ajutare questa povera giovane,
 
io aveva pensato seriamente ad ajutare questa povera giovane,
 
e credeva di aver trovato ajuti nelle mie aderenze per 19
 
e credeva di aver trovato ajuti nelle mie aderenze per 19
Riga 32: Riga 11:
 
Lucia,43 se mai questa potesse un giorno rivelarla ; per potere
 
Lucia,43 se mai questa potesse un giorno rivelarla ; per potere
 
allora far44 vedere che non era stato un pretesto, per allon¬
 
allora far44 vedere che non era stato un pretesto, per allon¬
  +
1 Sic. — s [11 falto | Le astuzie] L’astuzia — 3 furono — 1 mille —
 
  +
5 : se ne parlò per due giorni e — ® ved — 1 arriva — 8 Tutto —
 
  +
— 15 fan
9 [ch'ella tornerebbe in scena per] che p — 10 1’ — 11 istrutta — 18 [che
 
aveva] a cui — 13 informarne — 14 la cosa non sarebbe vera — 15 fan
 
 
— Il-’ mel’avesse — 11 ma è impossibile — 18 che — 10 sottrarla al suo
 
— Il-’ mel’avesse — 11 ma è impossibile — 18 che — 10 sottrarla al suo
 
persecutore — 50 Anzi. Desidero — 21 tutto è diventato — 22 la commis¬
 
persecutore — 50 Anzi. Desidero — 21 tutto è diventato — 22 la commis¬
8 962

contributi