Differenze tra le versioni di "Pagina:Gli sposi promessi II.djvu/183"

  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
« Erano due carrozze di signori bergamaschi » diceva un barbassoro, « accompagnate da uomini a cavallo: la giovane si mise a fuggire pel campo di Martino Stoppa, ma.
+
« Erano due carrozze di signori bergamaschi » diceva un barbassoro, « accompagnate da uomini a cavallo: la giovane si mise a fuggire pel campo di Martino Stoppa, ma <ref>i cavalieri la raggiunsero</ref> fu raggiunta, e portata via di peso. » <ref>Debb’essere</ref> E continuò con voce più sommessa in aria misteriosa: « debb’essere qualche gran tiranno bergamasco. » « Io ho inteso da chi l’ha inteso da uno
  +
die v’era, » disse un altro, « che le carrozze erano'tre, e che <ref>v’era, disse un</ref> la gente le fece fermare; ma quei signori misero fuora gli archibugi, e allora, mi capite, i galantuomini hanno dovuto dar luogo. » « Poh ! » disse il bravo, « vedete un po’ come le cose si contano. A me ha detto uno là (accennando un crocchio lontano) che la giovane era d’accordo, <ref>ed è partita di</ref> che si era trovata li per andarsene, e che quegli che l’ha portata via era un suo innamorato. » « Oh, disse uno, se la cosa fosse cosi, <ref>non</ref> se ne sarebbe andata senza schiamazzo. » «No,» rispose il bravo, « perché aveva promesso ad un altro per far piacere ai suoi parenti; e voleva far credere di esser rapita. Cosi dicono <ref>almeno per me</ref> quelli che pretendono d’essere informati. « Ohe ! » disse un altro barbassoro, « che la fosse una mostra per ingannare i merlotti ! » Questa opinione <ref>prevalse</ref> dopo un breve dibattimento prevalse; perché essendo quella che supponeva nel fatto una malizia più raffinata, veniva a supporre più fino accorgimento in chi la teneva : e chi l’avesse rifiutata poteva <ref>''Sic.''</ref> passare per un semplicione <ref>[al quale fosse facile far credere | facile ad essere ingannato dalle app | a credere | per uno che | a cui fosse facile dare ad intendere ogni cosa | facile a credere | da essere ingannato | da credere ad ogni apparenza di</ref> da lasciarsi ingannare alle più grossolane apparenze di virtù.
   
   
 
Quando il degno servitore di Egidio vide che la sementa non era gittata in terreno sterile e che avrebbe fruttato, si
fu rag¬
 
  +
spiccò da quel crocchio dicendo: «Oh avete il buon, tempo voi altri: per me m’accontenterei che sparissero tutte le giovani, purché venissero pagnotte abbastanza. Quegli altri ad uno ad uno se n’andarono chi qua chi là a riferire la storia: <ref>si dib</ref> si disputò assai ; le opinioni rimasero divise, ma la più preponderante <ref>''Sic.''</ref> fu quella che dava occasione di ragionare profondamente sulle astuzie delle donne, che fanno la {{Pt|sem}}
giunta, e portata via di peso. » * E continuò con voce più
 
sommessa in aria misteriosa: « debb’essere qualche gran ti¬
 
ranno bergamasco. » « Io ho inteso da chi3 l’ha inteso da uno
 
die v’era, » disse un altro, « che le carrozze erano'tre, e che *
 
la gente le fece fermare; ma quei signori misero fuora gli ar¬
 
chibugi, e allora, mi capite, i galantuomini hanno dovuto dar
 
luogo. » « Poh I » disse il bravo, « vedete un po’ come le cose
 
si contano. A me ha detto uno là (accennando un crocchio
 
lontano) che la giovane era d’accordo,5 che si era trovata
 
li per andarsene, e che quegli che l’ha portata via era un
 
suo innamorato. » « Oh, disse uno, se la cosa fosse cosi,1
 
se ne sarebbe andata senza schiamazzo. > «No,» rispose il
 
bravo, « perché aveva promesso ad un altro per far piacere
 
ai suoi parenti; e voleva far credere di esser rapita. Cosi
 
dicono7 quelli che pretendono d’essere informati. « Ohe !
 
disse un altro barbassoro, « che la fosse una mostra per in¬
 
gannare i merlotti I » Questa opinione 8 dopo un breve di-
 
battimento prevalse; perché essendo quella che supponeva
 
nel fatto una malizia più raffinata, veniva a suppórre più
 
fino accorgimento in chi la teneva : e chi l’avesse rifiutata po¬
 
teva poteva" passare per un semplicione 10 da lasciarsi in¬
 
gannare alle più grossolane apparenze di virtù.
 
Quando il degno servitore di Egidio vide che la sementa
 
non era gittata in terreno sterile e che avrebbe fruttato, si
 
spiccò da quel crocchio dicendo: «Oh avete il buon, tempo
 
voi altri: per me m’accontenterei che sparissero tutte le gio¬
 
vani, purché venissero pagnotte abbastanza. Quegli altri
 
ad uno ad uno se n’andarono chi qua chi là a riferire la sto¬
 
ria: “ si disputò assai ; le opinioni rimasero divise, ma la più
 
preponderante *'• fu quella che dava occasione di ragionare
 
profondamente sulle astuzie delle donne, che fanno la {{Pt|sem}}
 
 
 
1 i cavalieri la raggiunsero — 2 Debb’essere — 3 v’era, disse un
 
— 1 vi fu — 5 ed è partita di — 6 non — 1 almeno per me — 8 pre¬
 
valse — 0 Sic. — 10 [al quale fosse facile far credere | facile ad essere
 
ingannato dalle app | a credere | per uno che | a cui fosse facile dare
 
ad intendere ogni cosa | facile a credere | da essere ingannato | da
 
credere ad ogni apparenza di — 11 si dib — 1S Sic.
 
334
 
8 962

contributi