Differenze tra le versioni di "Pagina:Archivio Glottologico Italiano, vol. 1, 1873.djvu/68"

  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{RigaIntestazione|4|Ascoli, Saggi ladini, 1|}}
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
4
 
Ascoli, Saggi ladini, 1.
 
 
 
{{Centrato|CAPO I.}}
 
{{Centrato|CAPO I.}}
   
{{Centrato|Spogli fonetici.}}
+
{{Centrato|{{Sc|Spogli fonetici.}}}}
   
 
{{Centrato|'''§ 1. Grigioni.'''}}
 
{{Centrato|'''§ 1. Grigioni.'''}}
   
  +
Solo una metà, e scarsa per avventura, della popolazione de’ Grigioni rimane ancora di schietta favella ladina. L’Almanacco elvetico pel 1806 suddivideva i 73,200 abitanti del cantone, nel modo che segue: di favella tedesca 26,500; di favella italiana 10,000; di favella ladina 36,700 ({{Sc|Stalder}}). Secondo il Lessico geografico-statistico di Ritter (quarta edizione), la popolazione complessiva era nel 1838 di 84,506 abitanti, e nel 1850 di 89,840; e sarebbero, di lingua, per metà ladini, un terzo tedeschi e un sesto italiani; di religione, per cinque ottavi protestanti e tre ottavi cattolici. Similmente, gli attuali territorj ladini occupano a un di presso la metà della superficie del cantone, e sono tre, che si succedono, senza che la continuità sia affatto interrotta da altre favelle, nella direzione generale di ponente-levante; tutti e tre (se si eccettui quell’appendice austro-orientale che è la valle di Munster) sul versante settentrionale delle Alpi, e distinti anche per ciò da tutto il resto dell’attuale zona ladina, che ne è al versante meridionale. Queste tre contrade ladine de’ Grigioni, intorno alle quali seguono a’ rispettivi luoghi informazioni più particolari, si denomineranno, con ispeciale riguardo alla dialettologia: ''Sopraselva'', ''Sottoselva'', ''Engadina''. La prima, che parte dall’estremità occidentale del cantone, e la terza che ne raggiunge l’estremità orientale, sono due gran valli parallelle; e quella si può brevemente determinare per la ''Valle del Reno-anteriore'', questa (sempre eccettuata l’appendice già detta, che è nella regione dell’Adige), per la ''Valle dell’Inn'', dalle sorgenti in sino alla gola di Finstermunz. La contrada centrale, o trasversale, si dirà quel sistema di ''valli'' in cui ''l’Albula'', gonfia del ''Reno-d’-Oberhalbstein'', s’incontra col braccio settentrionale del ''Reno-posteriore''. E siccome tutte le valli de’ Grigioni per le quali scorrono acque del Reno, o sue tributarie, soglionsi comprendere sotto il nome di ''Oberland'', così ''Sopraselva'' e ''Sottoselva'' sono amendue ''oberlandesi'', e quindi diciamo ''oberlandese'' un fenomeno glottologico ad esse due contrade comune, dove all’incontro diciamo ''grigione'' quello che sia comune a tutte e tre. Del nome ''Engadina'' è discorso al C. VI. I nomi di ''Sopra''- e ''Sotto-selva'' accennano ad un bosco il quale separa tuttora i due rispettivi territorj glottologici. La riva sinistra dei Reno si alza considerevolmente da Tamins (m. 684) per Trins (m. 929) a Flims (m. 1 102), per poi rabbassarsi, pressochè d’altrettanto,
Solo una metà, e scarsa per avventura, della popolazione de’ Grigioni
 
rimane ancora di schietta favella ladina. L’Almanacco elvetico pel 1806
 
suddivideva i 73,200 abitanti del cantone, nel modo che segue: di favella
 
tedesca 26,500; di favella italiana 10,000; di favella ladina 36,700 (Stàlder). Secondo il Lessico geografico-statistico di Ritter (quarta edizione),
 
la popolazione complessiva era nel 1838 di 84,506 abitanti, e nel 1850
 
di 89,840; e sarebbero, di lingua, per metà ladini, un terzo tedeschi e
 
un sesto italiani; di religione, per cinque ottavi protestanti e tre ottavi
 
cattolici. Similmente, gli attuali territorj ladini occupano a un di presso
 
la metà della superficie del cantone, e sono tre, che si succedono, senza
 
che la continuità sia affatto interrotta da altre favelle, nella direzione
 
generale di ponente-levante; tutti e tre (se si eccettui quell’appendice
 
austro- orientale che ò la valle di Munster) sul versante settentrionale delle
 
Alpi, e distinti anche per ciò da tutto il resto dell’attuale zona ladina,
 
che ne è al versante meridionale. Queste tre contrade ladine de’ Grigioni,
 
intorno alle quali seguono a’ rispettivi luoghi informazioni più particolari, si denomineranno, con ispeciale riguardo alla dialettologia: Sopraselva, Sottoselva, Engadina. La prima, che parte dall’estremità occidentale del
 
cantone, e la terza che ne raggiunge l’estremità orientale, sono due gran
 
valli parallelle; e quella si può brevemente determinare per la Valle del
 
Reno-anteriore, questa (sempre eccettuata l’appendice già detta, che ò
 
nella regione dell’Adige), per la Valle dell’Inn, dalle sorgenti in sino alla gola di Finstermunz. La contrada centrale, o trasversale, si dirà quel sistema di valli in cui YAlbula, gonfia del Reno-d’-Oberhalbstcin, s’incontra col braccio settentrionale del Rcno-posteriore. E siccome tutte
 
le valli de’ Grigioni per le quali scorrono acque del Reno, o sue tributarie, soglionsi comprendere sotto il nome di Oberland, cosi Sopraselva
 
e Sottoselva sono amendue oberlandesi, e quindi diciamo oberlandese un
 
fenomeno glottologico ad esse due contrade comune, dove all’incontro
 
diciamo grigione quello che sia comune a tutte e tre. Del nome Engadina
 
ò discorso al C. VI. I nomi di Sopra- e Sotto-selva accennano ad
 
un bosco il quale separa tuttora i due rispettivi territorj glottologici. La riva sinistra dei Reno si alza considerevolmente da Tamins (m. 684) per
 
Trins (m. 929) a Flims (m. 1 102), per poi rabbassarsi, pressoché d’altrettanto,