Risposta dell'ingegner Giovanni Milani al dottore Carlo Cattaneo/Allegati/B: differenze tra le versioni

Creo pagina con autoNs0_test()
m (Pywikibot v.2)
(Creo pagina con autoNs0_test())
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}<!-- Area dati: non modificare da qui: --><onlyinclude><div style="display:none"><section begin="sottotitolo"/>Allegato B<section end="sottotitolo"/>
{{Qualità|avz=25%|data=10 giugno 2015|arg=}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Allegato B|prec=../A|succ=../C}}
<section begin="prec"/>../A<section end="prec"/>
<section begin="succ"/>../C<section end="succ"/>
<section begin="nome template"/>IncludiIntestazione<section end="nome template"/>
<section begin="data"/>16 giugno 2015<section end="data"/>
<section begin="avz"/>25%<section end="avz"/>
<section begin="arg"/>Da definire<section end="arg"/>
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=25%|data=16 giugno 2015|arg=Da definire}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Allegato B|prec=../A|succ=../C}}
 
<pages index="Milani - Risposta a Cattaneo, 1844.djvu" from=145 to=146 fromsection=s2 tosection=s1 />
==[[Pagina:Milani_-_Risposta_a_Cattaneo,_1844.djvu/145]]==
{{RigaIntestazione|||iii}}Ili
 
Allegato A.*
 
Venezia, 19 aprile 18S6.
 
Pregiatissimo signor Giovanti Milani, ingegnere civile.
 
Brusselles.
 
Una Commissione si è regolarmente costituita qui in Venezia, onde provvedere ai lavori
primordiali per la erezione di una strada a ruota/e di ferro da qui a Milano, e i fondi
occorrenti per la redazione del progetto sono già stabiliti.
 
S. A. I. il Serenissimo Arciduca Viceré si è degnato accordare il più premuroso incoraggiamento
alla Commissione, e le superiori autorità amministrative ogni maggior tutela.
 
Quanto immensa è l’utilità che promette alle provincie lombardo-venete l’effettuazione
di questo grandioso progetto, altrettanto occorre persona fornita d’ingegno e lumi distinti
cui affidarne la redazione.
 
Questo ingegno e questi lumi concorrono eminentemente in lei, signore, e il sottoscritto
in nome della Commissione si pregia d’interessarla a voler dichiarare se e quando, verificandosi
il caso, ella fosse disposto di assumere questo incarico, e quali le condizioni di
sua convenienza.
 
Sarebbe veramente confortante il veder concepita e diretta da un ingegnere italiano la
prima grandiosa opera di questo genere sorta ad aggiungere nuova gloria d’ incivilimento
a questa nostra bella Italia.
 
Pel presidente della Commissione, assente,
il presidente aggiunto, firmato LAZARO SACERDOTI.
 
* Q netta lettera mi giunse a Lubecca il 3 giugno 1856.
 
Allegato B.
 
Lubecca, 3 giugno i836.
 
Al signor presidente della Commissione pei lavori primordiali relativi alla strada
a guide di ferro da compiersi da Venezia a Milano.
 
in Venezia.
 
L J ingegnere Giovanni Milani.
 
Qui, éd in questo istante, mi giunse il gratissimo di lei foglio 49 aprile, perchè mi
attese finché viaggiava l’Olanda e l’Annover.
 
Accetto l’offerta fattami, che assai più che non merito mi onora, e stimerei indegno
d’uomo animoso e di buon Italiano dar indietro alla vista del grave dovere, e della lunga
e dura fatica.
 
Pei patti d’interesse nulla panni poter dir da qui d’utile al cammin della cosa, perchè
prima di strignere vorrebbersi concretare gli obblighi: ma per questi patti il favore che
 
==[[Pagina:Milani_-_Risposta_a_Cattaneo,_1844.djvu/146]]==
{{RigaIntestazione|iv||}}IV
 
mi dona la società non mi sarà sicuramente sviato, che me ne fa sicuro il giusto sentir
suo, e dal mio lato, ove fiducia d’uòmini onorevoli, utile del mio paese e lusinga d’amor
proprio chiamommi, corsi e correrò sempre, senza guardar molto in mezzo ed ai lati. Ma
perchè anche su questo la società sul certo riposi, e tolgasi da ogni perdita di tempo e
da ogni noja di lettere, le dichiaro che avrò sempre per gratissimo quanto saranno per concludere
con essa, in simile proposito, i due miei amici Conati e Paleocapa.
 
Domani parto per la Russia: ma dovunque sarò per essere, prometto di venir rapido
al dover mio, tosto che si vorrà dar opera alla cosa, e che un avviso me ne pervenga.
 
Intanto parmi utile, non solo a me ma forse anche alla società stessa, seguire i pochi
miei studii, e la piccola raccolta di cognizioni che vo facendo.
 
Voglia, signor presidente, non isdegnare V omaggio della mia stima e rispetto.
 
Firmato MILANI.
 
Allegato C*
 
N. 86.
 
La Commissione veneta per la erezione della strada ferrata da Venezia a Milano.
Al pregiatissimo signor ingegnere Milani di Verona.
 
a Berlino.
 
La Commissione si fa un dovere di manifestarle, signore, il suo contento nel conoscerla
disposto a prestare il concorso dei suoi distinti lumi e talenti nella grande impresa nazionale
in progetto.
 
La Commissione spera fra non molto ottenere la implorata Sovrana concessione per la
esecuzione dell’opera, e si riserva allora, per quanto nella sfera delle sue attribuzioni, e
di concerto colla spettabile Commissione lombarda, a rivolgersi di nuovo a lei, pregiatissimo
signore, onde rivenire sull’argomento.
 
Aggradisca intanto le sincere proteste della nostra stima e considerazione.
 
Venezia, 9 novembre 4836.
 
Per il presidente
Firmato ZUCCHELLI.
 
Il segretario
Sott. Bp.eganze.
 
P. S. Sarà grato alla Commissione il conoscere il recapito del signor Milani, onde poter
all’ occasione indirizzarsi a lui.
 
* Questa lettera mi giunse a Berlino il 4 dicembre 4836.
248 028

contributi