Differenze tra le versioni di "Pagina:Storia delle arti del disegno.djvu/263"

nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 4: Riga 4:
 
§. 15 Probabilmente il vestire de’ Persi non sarà stato molto diverso da quello degli altri popoli orientali, i quali portavano una sottoveste o tunica e, come a dire, camicia di lino, e sovra essa una veste di lana, sulla quale allacciavansi un manto bianco<ref>{a)</ref>, amando principalmente di portare abiti a fiori<ref>(/’)</ref>. La veste de’ Persi tagliata a quattro angoli<ref>(e)</ref> doveva esser simile alla così detta veste quadrangolare delle donne greche, ed aveva, al dire di {{AutoreCitato|Strabone|Strabone}}<ref>(<^)</ref>, lunghe fino alle dita le maniche, nelle quali nascondevano le mani<ref>(e)</ref>. Siccome i Persi non portavano di que’ manti o pallii, che per la loro ampiezza in più maniere adattar si potessero, perciò nelle loro statue sempre si scorge certa uniformità, per cui sembrano tutte effigiate sullo stesso modello; e le figure incise sulle gemme in ciò somigliano a quelle che trovansi fra le ruine delle fabbriche loro. Nulla dir si può in particolare della veste femminile de’ Persi, non essendoci, ch’io sappia, pervenuto nessun antico lor monumento con figure muliebri<ref name="pag263">(a)</ref>. La loro veste virile è sovente
 
§. 15 Probabilmente il vestire de’ Persi non sarà stato molto diverso da quello degli altri popoli orientali, i quali portavano una sottoveste o tunica e, come a dire, camicia di lino, e sovra essa una veste di lana, sulla quale allacciavansi un manto bianco<ref>{a)</ref>, amando principalmente di portare abiti a fiori<ref>(/’)</ref>. La veste de’ Persi tagliata a quattro angoli<ref>(e)</ref> doveva esser simile alla così detta veste quadrangolare delle donne greche, ed aveva, al dire di {{AutoreCitato|Strabone|Strabone}}<ref>(<^)</ref>, lunghe fino alle dita le maniche, nelle quali nascondevano le mani<ref>(e)</ref>. Siccome i Persi non portavano di que’ manti o pallii, che per la loro ampiezza in più maniere adattar si potessero, perciò nelle loro statue sempre si scorge certa uniformità, per cui sembrano tutte effigiate sullo stesso modello; e le figure incise sulle gemme in ciò somigliano a quelle che trovansi fra le ruine delle fabbriche loro. Nulla dir si può in particolare della veste femminile de’ Persi, non essendoci, ch’io sappia, pervenuto nessun antico lor monumento con figure muliebri<ref name="pag263">(a)</ref>. La loro veste virile è sovente
   
  +
(a) {{AutoreCitato|Erodoto|Herod.}} ''lib. 1. cap. 195. pag. 93''. [Parla dei Babilonesi. Dei Persiani scrive ''lib. 1. c. 71. pag. 32.'', che ai tempi di Ciro, e finchè non soggiogarono i Lidi, andavano vestiti di pelli. Dopo questo, e al tempo di Serse, quando erano immersi nel più gran lusso portavano vesta, e la sopravesta di diversi colori, ''l. 9. cap. 80. e 82. pag. 728. seg.'', e intessuta. d’oro, o con bianche striscie fu di un fondo di porpora. Vedi Brissonio ''De Regno Pers. lib. {{Sc|iI}}. §. CLXXXVI. segg''., Lens ''Le Costume, ou essai sur les habillem. ec. lib. {{Sc|iiI}}. chap. VII. pag. 190. e segg. plan. 29''.
(a) Herod. Hi. t.cap.ipj.pag.pj. [Parla
 
  +
 
  +
(>) {{AutoreCitato|Sesto Empirico|Sext. Emp.}} ''Pyrrh. hyp. lib. 1. cap. 14. §. ult. pag. 30.'', [o con varie forme d’animali intessuti, come abbiamo da {{AutoreCitato|Lucio Flavio Filostrato|Filostrato}} /mi!|’/n. .
 
lib. 2. cap. ^z. in Themìfl. oper. Tom. il.
 
lib. 2. cap. ^z. in Themìfl. oper. Tom. il.
 
dei Babiloncfi. Dei Perfiani (crive //A. r. c.7/.
 
 
 
pag.S;6.,Voik Onom. lìb.7. cap.i ^.t e.
 
pag.S;6.,Voik Onom. lìb.7. cap.i ^.t e.
 
pae.^z., che ai tempi di Ciro, e finche non
 
 
 
da Q. Curzio parlando della vefte di Dario
 
da Q. Curzio parlando della vefte di Dario
 
foggiocarono i Lidi, andavano vediti di pelli.
 
 
//j. ^. cav. ^. %. iS.
 
//j. ^. cav. ^. %. iS.
 
Dopo quefto, e al tempo di Serfe, quando
 
 
(t) Dion. Halic. lA. ^. cap. 61. pag. 187.
 
(t) Dion. Halic. lA. ^. cap. 61. pag. 187.
  +
//;:. ^6.
erano im merli nel più gran luiTo portavano //;:. ^6.
 
verta, e la fopravefta di diverfi colori, /. p. {d) lib. 1 j. pag. io6j.
+
{d) lib. 1 j. pag. io6j.
cap.80. e S 2. pag.-’zS. feg., cìntcffaii. d’oro, (e) Xenoph.HiJl.gr. lib.i. e. 6.p.4.}4- ".
+
(e) Xenoph.HiJl.gr. lib.i. e. 6.p.4.}4- ".
o con bianche ftrifcie fu di un fondo di por- (a) Portavano almeno due vcfti, come fi
+
(a) Portavano almeno due vesti, come si può arguire dal racconto di Diodoro Hb-f.
 
§. 35. pag. 186. Tom. ri. Nei monumenti di Pcrfcpoli piclTo le Bruyn Voynge en Perje
pora. Vedi Briflonio De Regno Pef. lib. il. può arguire dal racconto di Diodoro Hb-f.
 
 
Tom. il. pag. 1 6p. fi vede una figura di donna vcftira d’una tuni’-a colle maniche, e con
§. CLXXXVI. fegg., Lens Le Cojiume, cu i.^f. rag.tSfi. Tom. ri. Nei monumenti di
 
 
una mano tiene l’orlo d’un panno, o velo, che sia
(fai far les kabl’Um.ec. lib. ni. ckap. VII. Pcrfcpoli piclTo le Bruyn Voynge en Perje
 
  +
Forse quella è la tumca di porpora
fag. ’pò. e fegg. pian. 29. Tom. il. pag. 1 6p. fi vede una figura di don-
 
(J>) Sext. F.mp. Pyrrh. hyp. lib. r. cav. r 4.. ra vcftira d’una tuni’-a colle maniche, e con
 
§. u’r. r^ag.^o., r o con varie forme d’animali una mano tiene l’orlo d’un panno, o velo,
 
inteffuti, come abbiamo da FiIoItrato/mi!|’/n. diefia. Forfè quella è la tumca di porpora