Differenze tra le versioni di "Fra las cretos di Culino"

nessun oggetto della modifica
(Nuova pagina: {{canzone |Titolo=Su las cretos di Culino |NomePaginaCanzone=Su las cretos di Culino |TitoloAlternativo= |AnnoPubblicazione= |NomeCognomeAutoreTesti= |NomeCognomeAutoreMusica= |TestoFr...)
 
j'ai vidût la mê ninino
cul riscjel intortulât
 
Lis fantatis di Culino
cuant ch'a vegnin a cjoli il sâl,
metin sù cuatri forchetis
e si cambin di grimâl
 
Lait a rosis in montagne,
a garofui cà di me;
domandàit ai miei di cjase,
ch'a son lôr parons di me
 
Duç mi disin ch'o soi biele,
dîs ancje jo che no soi mâl;
o ai 'ne biele cotulute,
lis curdelis sul grimâl
 
Velu là, velu là vie,
velu làch'al ven cumò;
al à la pipe in te sachete,
cence un fregul di tabàc
</poem>
 
ho visto la mia cara
col rastrello attorcigliato
 
Le ragazze di Collina
quando vengono a comprare il sale,
mettono su quattro forcine
e si cambiano il grembiule
 
Andate a fiori in montagna,
a rose qua di me;
domandate ai miei di casa,
che sono loro padroni di me
 
Tutti mi dicono che sono bella,
dico anch'io che non sono male;
o une bella gonnellina,
le trecciole sul grembiule
 
Guardalo là, guardalò laggiù,
guardalo là che arriva adesso;
ha la pipa in tasca,
senza una briciola di tabacco
 
</div>
</poem>
382

contributi