Pagina:Rivista di Scienza - Vol. II.djvu/141: differenze tra le versioni

m (Wikipedia python library)
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
{{RigaIntestazione||{{Sc|la dinamica della divisione cellulare mitotica}}|133}}
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:

<!-- Area dati
di quei raggi. Alla stessa guisa, quando adoperiamo la polvere magnetica per dimostrare la posizione delle linee di forza magnetiche dobbiamo tener presente che per la sua presenza essa altera questa posizione.
{"paramPagina": {"interlinea": 80, "min_x1": 191, "pattern_x2": "00033000000000000000002300000000000000000", "pattern_x1": "30003300000000000000000330000000000000000", "max_x2": 2140}, "righe": [[354, 3529, 2107, 3585, "LA DINAMICA DELLA DIVISIONE CELLULARE MITOTICA 133"], [191, 3367, 2107, 3438, "di quei raggi. Alla stessa guisa, quando adoperiamo la polvere"], [195, 3285, 2109, 3359, "magnetica per dimostrare la posizione delle linee di forza"], [193, 3206, 2109, 3276, "magnetiche dobbiamo tener presente che per la sua presenza"], [192, 3131, 1068, 3194, "essa altera questa posizione."], [326, 3050, 2109, 3118, "In questi campi f\u00ecsici usiamo sospendere delle particelle"], [196, 2966, 2108, 3038, "di polvere onde rendere il campo visibile ; per il magnetismo,"], [196, 2889, 2111, 2958, "ferro o magnetite; per l\u2019elettricit\u00e0 dei fili di seta, cristalli di"], [198, 2813, 2111, 2879, "solfato di chinina od anche particelle conduttrici (la cui"], [199, 2727, 2113, 2800, "permeabilit\u00e0 \u00e8 praticamente infinita), sospese in un liquido"], [201, 2650, 2112, 2718, "di minore permeabilit\u00e0 quale la trementina, ecc. Le catene"], [199, 2573, 2113, 2640, "materiali formate da queste particelle hanno dei caratteri"], [197, 2488, 2111, 2560, "particolari dipendenti in gran parte dalla vischiosit\u00e0 del me\u00ac"], [199, 2408, 2114, 2479, "dium, beninteso fino a che le intensit\u00e0 del campo rimangono"], [199, 2338, 2114, 2401, "inalterate. Io le ho chiamate \u00ab catene di forza \u00bb per distin\u00ac"], [199, 2248, 2116, 2321, "guerle dalle \u00ab linee di forza \u00bb, che sono mere astrazioni geo\u00ac"], [199, 2181, 2116, 2242, "metriche. Evidentemente i filamenti che costituiscono il fuso"], [200, 2087, 2117, 2159, "e gli aster nel campo mitotico sono da considerare come"], [202, 2021, 2117, 2081, "catene di forza. Essi hanno il carattere di dielettrici flessibili"], [202, 1930, 2121, 2001, "isolati di elevata permeabilit\u00e0, ossia di cattivi conduttori."], [205, 1859, 2122, 1920, "Possiamo chiamarli induttori flessibili, un termine che si rac\u00ac"], [207, 1770, 2123, 1840, "comander\u00e0 ad ogni elettricista. La forza che produce la figura"], [204, 1690, 2123, 1761, "mitotica del campo cellulare \u00e8 stata da noi altrove denomi\u00ac"], [204, 1612, 2007, 1678, "nata \u00ab forza mitocinetica \u00bb, o in breve \u00ab mitocinetismo \u00bb."], [337, 1529, 2125, 1599, "Il campo cellulare \u00e8 limitato dall\u2019 Hautschicht, o strato"], [208, 1448, 2127, 1521, "periferico, rappresentante l\u2019involucro cavo conduttore, che"], [209, 1370, 2124, 1442, "agisce similmente ad uno schermo perfetto; poich\u00e9 campi"], [208, 1303, 2127, 1361, "cellulari adiacenti non hanno alcuna influenza orientatrice"], [210, 1213, 2128, 1280, "direttiva l\u2019uno sull\u2019 altro. Il protoplasma esteriore si comporta"], [210, 1131, 2127, 1202, "come se esso, e le sue vacuole, globuli grassosi, ecc., fossero"], [211, 1053, 2128, 1120, "mitocineticamente omogenei. Ma il citoplasma internamente"], [210, 983, 2128, 1043, "all\u2019Hautschicht si \u00e8 trasformato in un fuso di fili e in fibre"], [211, 889, 2128, 964, "raggianti, le quali, passando attraverso al plasma intermedio,"], [211, 809, 2130, 884, "terminano, come potrebbe inferirsi a priori per ragioni teo-"], [216, 728, 2132, 804, "1\\tiche, nell\u2019 Hautschicht penetrandovi in direzione radiale. Il"], [213, 662, 2131, 724, "mezzo intermedio del fuso sembra essere un liquido molto"], [215, 574, 2133, 645, "vischioso. Per un lato assai importante le catene cellulari"], [216, 492, 2133, 565, "differiscono da quelle inorganiche : esse non sono formate uni\u00ac"], [217, 410, 2132, 484, "camente mediante separazione, ma spesso crescono a partire"], [216, 332, 2136, 403, "dai centrosomi. Per tutti gli altri rispetti essi hanno le me\u00ac"], [219, 248, 2137, 323, "desime propriet\u00e0. Nella cellula sembra spesso che la regione"], [219, 168, 2140, 242, "del fuso sia separata dal citoplasma periferico \u00ab omogeneo \u00bb da"]], "xypagina": ["2371", "3854"]}

-->
In questi campi fisici usiamo sospendere delle particelle di polvere onde rendere il campo visibile; per il magnetismo, ferro o magnetite; per l’elettricità dei fili di seta, cristalli di solfato di chinina od anche particelle conduttrici (la cui permeabilità è praticamente infinita), sospese in un liquido di minore permeabilità quale la trementina, ecc. Le catene materiali formate da queste particelle hanno dei caratteri particolari dipendenti in gran parte dalla vischiosità del medium, beninteso fino a che le intensità del campo rimangono inalterate. Io le ho chiamate «catene di forza» per distinguerle dalle «linee di forza», che sono mere astrazioni geometriche. Evidentemente i filamenti che costituiscono il fuso e gli aster nel campo mitotico sono da considerare come catene di forza. Essi hanno il carattere di dielettrici flessibili isolati di elevata permeabilità, ossia di cattivi conduttori. Possiamo chiamarli induttori flessibili, un termine che si raccomanderà ad ogni elettricista. La forza che produce la figura mitotica del campo cellulare è stata da noi altrove denominata «forza mitocinetica», o in breve «mitocinetismo».

Il campo cellulare è limitato dall’Hautschicht, o strato periferico, rappresentante l’involucro cavo conduttore, che agisce similmente ad uno schermo perfetto; poichè campi cellulari adiacenti non hanno alcuna influenza orientatrice direttiva l’uno sull’altro. Il protoplasma esteriore si comporta come se esso, e le sue vacuole, globuli grassosi, ecc., fossero mitocineticamente omogenei. Ma il citoplasma internamente all’Hautschicht si è trasformato in un fuso di fili e in fibre raggianti, le quali, passando attraverso al plasma intermedio, terminano, come potrebbe inferirsi a priori per ragioni teoriche, nell’Hautschicht penetrandovi in direzione radiale. Il mezzo intermedio del fuso sembra essere un liquido molto vischioso. Per un lato assai importante le catene cellulari differiscono da quelle inorganiche: esse non sono formate unicamente mediante separazione, ma spesso crescono a partire dai centrosomi. Per tutti gli altri rispetti essi hanno le medesime proprietà. Nella cellula sembra spesso che la regione del fuso sia separata dal citoplasma periferico «omogeneo» da
22 579

contributi