Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri III.djvu/444"

m (Impostazione SAL 75% via bot)
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 75%
+
Pagine SAL 100%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|1897}}-->l’indole di detti tempi, dotata essenzialmente della libertà della natura, capace d’indeterminata moltiplicità di forme, di stili, e quasi di lingue, non può mai corrompersi, purché s’abbia l’occhio a conservarle appunto queste qualità, senza le quali non può stare la sua vera indole primitiva; onde sebbene d’indole antica, ella, anzi perciò appunto ch’é d’indole antica, è e sarà sempre capace di tutto ciò che è o sarà per esser moderno; temperando sempre i suoi diversissimi stili secondo la natura degli argomenti. <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|1898}} Ond’ella è e potrà sempre essere adattata cosí all’antico come al moderno, cioè al bello come al vero, e alla natura come alla ragione, perocché questa è compresa nella natura, ma non già viceversa. E potrà anche unire insieme le due qualità del bello e del vero, in un medesimo stile. Come appunto la lingua greca, vera figlia della natura e del bello, fu tanto atta alla filosofia, quanto forse nessuna delle moderne, le quali a lei tuttora ricorrono ne’ loro bisogni filosofici ec.; la lingua greca si conservò per tanti secoli e tante vicissitudini di cose incorrotta; la lingua greca si può con certezza presumere che se oggi vivesse, oggi conservando il suo stesso primitivo carattere, sarebbe capacissima e forse piú d’ogni altra anche moderna, di tutte le cose moderne, siccome ne può far fede il vedere quante di queste non si sappiano denominare se non ricorrendo a essa lingua; la lingua greca si adatterebbe <section end=2 /><section begin=3 />{{ZbPagina|1899}} all’analisi, a ogni sottigliezza della nostra moderna ragione, senza però perder nulla della sua bellezza, della sua antica indole, e della sua adattabilità alla antica natura, perocché la natura può considerarsi come antica.
+
<section begin="1" /><!--{{ZbPagina|1897}}-->l’indole di detti tempi, dotata essenzialmente della libertà della natura, capace d’indeterminata moltiplicità di forme, di stili, e quasi di lingue, non può mai corrompersi, purché s’abbia l’occhio a conservarle appunto queste qualità, senza le quali non può stare la sua vera indole primitiva; onde, sebbene d’indole antica, ella, anzi perciò appunto ch’é d’indole antica, è e sarà sempre capace di tutto ciò che è o sarà per esser moderno; temperando sempre i suoi diversissimi stili secondo la natura degli argomenti. <section end="1" /><section begin="2" />{{ZbPagina|1898}} Ond’ella è e potrà sempre essere adattata cosí all’antico come al moderno, cioè al bello come al vero e alla natura come alla ragione, perocché questa è compresa nella natura, ma non già viceversa. E potrà anche unire insieme le due qualità del bello e del vero in un medesimo stile. Come appunto la lingua greca, vera figlia della natura e del bello, fu tanto atta alla filosofia, quanto forse nessuna delle moderne, le quali a lei tuttora ricorrono ne’ loro bisogni filosofici ec.; la lingua greca si conservò per tanti secoli e tante vicissitudini di cose incorrotta; la lingua greca si può con certezza presumere che se oggi vivesse, oggi, conservando il suo stesso primitivo carattere, sarebbe capacissima e forse piú d’ogni altra anche moderna, di tutte le cose moderne, siccome ne può far fede il vedere quante di queste non si sappiano denominare se non ricorrendo a essa lingua; la lingua greca si adatterebbe <section end="2" /><section begin="3" />{{ZbPagina|1899}} all’analisi, a ogni sottigliezza della nostra moderna ragione, senza però perder nulla della sua bellezza, della sua antica indole e della sua adattabilità alla antica natura, perocché la natura può considerarsi come antica.
   
Ben è verissimo che quanto la lingua italiana è incorruttibile nella teoria, tanto nelle presenti circostanze è piú d’ogni altra corruttibile nella pratica. I riformatori del moderno stile corrotto, in luogo di conservarle la libertà essenziale alla sua indole, gliela<section end=3 />
+
Ben è verissimo che, quanto la lingua italiana è incorruttibile nella teoria, tanto nelle presenti circostanze è piú d’ogni altra corruttibile nella pratica. I riformatori del moderno stile corrotto, in luogo di conservarle la libertà essenziale alla sua indole, gliela<section end="3" />
103

contributi