Differenze tra le versioni di "Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/326"

typo
m (Bot: template SAL)
(typo)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 11: Riga 11:
 
Sorvoleremo, in queste rapida rassegna, sulle altre monete di varie città siculo (sebbene ve ne siano molto notevoli per più d’un riguardo, come per es. i quattro decadrammi siracusani, uno dei quali, col nome di Eveneto, è di una freschezza di conservazione meravigliosa), por affretterei a registrare una importente scoperte del Comm. Salinas, quella del nome nuovo di un antico incisore, ''Evarchidas'', nel rovescio di un bellissimo tetradramma, pure di Siracusa.
 
Sorvoleremo, in queste rapida rassegna, sulle altre monete di varie città siculo (sebbene ve ne siano molto notevoli per più d’un riguardo, come per es. i quattro decadrammi siracusani, uno dei quali, col nome di Eveneto, è di una freschezza di conservazione meravigliosa), por affretterei a registrare una importente scoperte del Comm. Salinas, quella del nome nuovo di un antico incisore, ''Evarchidas'', nel rovescio di un bellissimo tetradramma, pure di Siracusa.
   
«Evarchida, come artista» — sono parole del relatore, — «prenderà posto quindi innanzi fra i sommi incisori greci di medaglie. Nella gara tenutasi nella zecca siracusana, di esprimere quadrighe con tento varietà di atteggiamenti di cavalli e di auriga, egli ebbe il merito di affrontare una nuova difficoltà, rappresentando l’auriga non più di profilo ma quasi di faccia; difficoltà che Cimone ed Euclida vinsero nelle grandi tosto di Pallade e di Aretusa, veri capilavori dell’arte antica, e solo il primo incontrò nella piccola figura{{SAL|326|3|Carlomorino}}
+
«Evarchida, come artista» — sono parole del relatore, — «prenderà posto quindi innanzi fra i sommi incisori greci di medaglie. Nella gara tenutasi nella zecca siracusana, di esprimere quadrighe con tento varietà di atteggiamenti di cavalli e di auriga, egli ebbe il merito di affrontare una nuova difficoltà, rappresentando l’auriga non più di profilo ma quasi di faccia; difficoltà che Cimone ed Euclida vinsero nelle grandi teste di Pallade e di Aretusa, veri capilavori dell’arte antica, e solo il primo incontrò nella piccola figura