Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri III.djvu/317"

m (Impostazione SAL 75% via bot)
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 75%
+
Pagine SAL 100%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|1674}}-->egli tien per fermissimo tutto l’opposto; e s’egli è inesperto non si guarda di nascondere agli altri (potendo) la sua disgrazia; anzi talvolta cerca di manifestarla: laddove la principale arte di vivere consiste ordinariamente nel non confessar mai di esser <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|1675}} disgraziato, o di avere alcuno svantaggio rispetto agli altri ec.
+
<section begin="1" /><!--{{ZbPagina|1674}}-->egli tien per fermissimo tutto l’opposto; e s’egli è inesperto non si guarda di nascondere agli altri, potendo, la sua disgrazia; anzi talvolta cerca di manifestarla; laddove la principale arte di vivere consiste ordinariamente nel non confessar mai di esser <section end="1" /><section begin="2" />{{ZbPagina|1675}} disgraziato o di avere alcuno svantaggio rispetto agli altri ec.
   
   
{{ZbPensiero|1675/1}} Parimente l’uomo inesperto (ed anche lo sperimentato, nella ebbrezza della gioia) sopravvenuto da qualche fortuna, ed acquistato qualche vantaggio, crede fermamente che tutti, e massime gli amici e i conoscenti debbano rallegrarsene di tutto cuore, e neppur sospetta che ne l’abbiano a odiare, ch’egli sia per perderne l’amicizia di questo o di quello, che gli stessi amici piú cari, debbano o tentar mille vie di spogliarlo del suo nuovo vantaggio, screditarlo ec. o almeno desiderar di farlo, proccurar di scemare presso lui, presso loro stessi, e presso gli altri l’idea e il pregio della sua nuova fortuna ec. Tutto ciò, accadendo, come inevitabilmente accade, gli riesce maraviglioso (11 settembre 1821).
+
{{ZbPensiero|1675/1}} Parimente l’uomo inesperto (ed anche lo sperimentato, nella ebbrezza della gioia) sopravvenuto da qualche fortuna ed acquistato qualche vantaggio, crede fermamente che tutti, e massime gli amici e i conoscenti, debbano rallegrarsene di tutto cuore; e neppur sospetta che ne l’abbiano a odiare, ch’egli sia per perderne l’amicizia di questo o di quello, che gli stessi amici piú cari debbano o tentar mille vie di spogliarlo del suo nuovo vantaggio, screditarlo ec. o almeno desiderar di farlo, proccurar di scemare presso lui, presso loro stessi, e presso gli altri l’idea e il pregio della sua nuova fortuna ec. Tutto ciò, accadendo, come inevitabilmente accade, gli riesce maraviglioso (11 settembre 1821).
   
   
{{ZbPensiero|1675/2}}''Scire nostrum est reminisci'' dicono i Platonici. Male nel loro intendimento, cioè che l’anima non faccia che ricordarsi di <section end=2 /><section begin=3 />{{ZbPagina|1676}} ciò che seppe innanzi di unirsi al corpo. Benissimo però può applicarsi al nostro sistema, e di {{AutoreCitato|John Locke|Locke}}. Perché infatti l’uomo, (e l’animale) niente sapendo per natura ec. tanto sa, quanto si ricorda, cioè quanto ha imparato mediante le esperienze de’ sensi. Si può dire che la memoria sia l’unica fonte del sapere, ch’ella sia legata, e quasi costituisca tutte le nostre cognizioni ed abilità materiali o mentali, e che senza memoria l’uomo non saprebbe nulla, e non saprebbe far nulla. E siccome ho detto che la memoria non è altro che assuefazione, nasce (benché prestissimo) da lei, ed è contenuta in lei, cosí vicendevolmente può dirsi ch’ella<section end=3 />
+
{{ZbPensiero|1675/2}}''Scire nostrum est reminisci'' dicono i platonici. Male nel loro intendimento, cioè che l’anima non faccia che ricordarsi di <section end="2" /><section begin="3" />{{ZbPagina|1676}} ciò che seppe innanzi di unirsi al corpo. Benissimo però può applicarsi al nostro sistema e di {{AutoreCitato|John Locke|Locke}}. Perché infatti l’uomo (e l’animale), niente sapendo per natura ec., tanto sa quanto si ricorda, cioè quanto ha imparato mediante le esperienze de’ sensi. Si può dire che la memoria sia l’unica fonte del sapere, ch’ella sia legata, e quasi costituisca tutte le nostre cognizioni ed abilità materiali o mentali, e che senza memoria l’uomo non saprebbe nulla e non saprebbe far nulla. E siccome ho detto che la memoria non è altro che assuefazione, nasce (benché prestissimo) da lei ed è contenuta in lei, cosí vicendevolmente può dirsi ch’ella<section end="3" />
103

contributi