Differenze tra le versioni di "Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/59"

nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 2: Riga 2:
   
 
<div style="margin-left:2em; text-indent:2em">'''Teca a l’om a fa la dòna''' — ''Spetta all’uomo il fare la donna''; e l’{{AutoreCitato|Vittorio Alfieri|Alfieri}}, nella satira ''Le donne'', scrisse pure:</div>
 
<div style="margin-left:2em; text-indent:2em">'''Teca a l’om a fa la dòna''' — ''Spetta all’uomo il fare la donna''; e l’{{AutoreCitato|Vittorio Alfieri|Alfieri}}, nella satira ''Le donne'', scrisse pure:</div>
  +
<poem>
 
<poem>Dirò sol, che ove gli uomini son buoni,
+
Dirò sol, che ove gli uomini son buoni,
Specchio voi siete d’ogni nobil arte;
+
Specchio voi siete d’ogni nobil arte;
Ove pessimi son, Dio vel perdoni
+
Ove pessimi son, Dio vel perdoni
Se tristarelle alquanto riuscite;
+
Se tristarelle alquanto riuscite;
Dovunque i maschi van, voi pur seguite.</poem>
+
Dovunque i maschi van, voi pur seguite.</poem>
   
 
{{Indentatura|2em}}'''Ma prima l’è la scua, la segonda l’è la spusa''' — ''La prima è la scopa, la seconda è la sposa'' — cioè la seconda moglie è più accarezzata della prima. I Toscani dicono: La prima è asinella, la seconda tortorella, e in modo più ruvido: La seconda non gode, se la prima non muore.</div>
 
{{Indentatura|2em}}'''Ma prima l’è la scua, la segonda l’è la spusa''' — ''La prima è la scopa, la seconda è la sposa'' — cioè la seconda moglie è più accarezzata della prima. I Toscani dicono: La prima è asinella, la seconda tortorella, e in modo più ruvido: La seconda non gode, se la prima non muore.</div>
93 819

contributi