Differenze tra le versioni di "D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124 - Assicurazione infortuni"

nessun oggetto della modifica
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}<!-- Area dati: non modificare da qui: --><onlyinclude><div style="display:none"><section begin="Organismo emittente"/>Governo italiano<section end="Organismo emittente"/>
{{Qualità|avz=25%|data=12 giugno 2012|arg=Da definire}}
<section begin="Anno di pubblicazione"/>1965<section end="Anno di pubblicazione"/>
<section begin="Iniziale del titolo"/>A<section end="Iniziale del titolo"/>
<section begin="Argomento"/>diritto<section end="Argomento"/>
<section begin="Progetto"/>diritto<section end="Progetto"/>
<section begin="Titolo"/>D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124 - Assicurazioni infortuni (testo originario)<section end="Titolo"/>
<section begin="nome template"/>Intestazione<section end="nome template"/>
<section begin="data"/>12 giugno 2012<section end="data"/>
<section begin="avz"/>25%<section end="avz"/>
<section begin="arg"/>Da definire<section end="arg"/>
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=25%|data=12 giugno 2012|arg=Da definire}}
 
{{Intestazione
| Progetto= diritto
| Argomento= diritto
| Organismo emittente = Governo italiano
| Titolo = D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124 - Assicurazioni infortuni (testo originario)
| Iniziale del titolo =A
| Eventuale sottotitolo = Testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria
contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. '''testo corrente'''
| Anno di pubblicazione= 1965
| URL della versione cartacea a fronte =
}}
{{diritto legge
|GazzettaUfficiale=
|EntrataInVigore= <br/>
{{Cita legge italiana
|tipo = DPR
|anno = 1965
|mese = 6
|giorno = 30
|numero = 1124
|titolo = }}
|DocumentiAbrogati=
|DocumentiCollegati=
}}
 
 
 
DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1965, n. 1124
Testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria
contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.
'''Vigente al: 4-5-2013 '''
 
TITOLO I
 
Capo I
 
Attivita' protette
 
 
E' obbligatoria l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro
 
delle persone le quali, nelle condizioni previste dal presente titolo, siano addette a macchine mosse non direttamente dalla persona che ne usa, ad apparecchi a pressione, ad apparecchi e impianti elettrici o termici, nonche' delle persone comunque occupate in opifici, laboratori o in ambienti organizzati per lavori, opere o servizi, i quali comportino l'impiego di tali macchine, apparecchi o impianti.
 
L'obbligo dell'assicurazione ricorre altresi' quando le macchine,
 
gli apparecchi o gli impianti di cui al precedente comma siano adoperati anche in via transitoria o non servano direttamente ad operazioni attinenti all'esercizio dell'industria che forma oggetto di detti opifici o ambienti, ovvero siano adoperati dal personale comunque addetto alla vendita, per prova, presentazione pratica o esperimento.
 
L'assicurazione e' inoltre obbligatoria anche quando non ricorrano
 
le ipotesi di cui ai commi precedenti per le persone che, nelle condizioni previste dal presente titolo, siano addette ai lavori:
 
 
7) di trasporto per via terrestre, quando si faccia uso di mezzi
 
meccanici o animali;
 
 
9) per l'esercizio di rimesse per la custodia di veicoli
 
terrestri, nautici o aerei, nonche' di posteggio anche all'aperto di mezzi meccanici;
 
 
11) della navigazione marittima, lagunare, lacuale, fluviale ed
 
aerea, eccettuato il personale di cui all'articolo 34 del regio decreto-legge 20 agosto 1923, n. 2207, concernente norme per la navigazione aerea, convertito nella legge 31 gennaio 1926, n. 753;
 
12) della pesca esercitata con navi o con galleggianti, compresa
 
la pesca comunque esercitata delle spugne, dei coralli, delle perle e del tonno; della vallicoltura, della mitilicoltura, della ostricoltura;
 
13) di produzione, trattamento, impiego o trasporto di sostanze o
 
di prodotti esplosivi, esplodenti, infiammabili, tossici, corrosivi, caustici, radioattivi, nonche' ai lavori relativi all'esercizio di aziende destinate a deposito e vendita di dette sostanze o prodotti; sono considerate materie infiammabili quelle sostanze che hanno un punto di infiammabilita' inferiore a 125° C e, in ogni caso, i petroli greggi, gli olii minerali bianchi e gli olii minerali lubrificanti;
 
 
15) degli stabilimenti metallurgici e meccanici, comprese le
 
fonderie;
 
 
18) delle miniere, cave e torbiere e saline, compresi il
 
trattamento e la lavorazione delle materie estratte, anche se effettuati in luogo di deposito;
 
19) di produzione del cemento, della calce, del gesso e dei
 
laterizi;
 
20) di costruzione, demolizione, riparazione di navi o natanti,
 
nonche' ad operazioni di recupero di essi o del loro carico;
 
 
22) per l'estinzione di incendi, eccettuato Il personale del Corpo
 
nazionale dei vigili del fuoco;
 
 
24) per il servizio di vigilanza privata, comprese le guardie
 
giurate addette alla sorveglianza delle riserve di caccia e pesca;
 
 
26) per l'allevamento, riproduzione e custodia degli animali,
 
compresi i lavori nei giardini zoologici e negli acquari;
 
27) per l'allestimento, la prova o l'esecuzione di pubblici
 
spettacoli, per l'allestimento o l'esercizio dei parchi di divertimento, escluse le persone addette ai servizi di sala dei locali cinematografici e teatrali 28) per lo svolgimento di esperienze ed esercitazioni pratiche nei casi di cui al n. 5) dell'art. 4.(31)
 
Sono considerati come addetti a macchine, apparecchi o impianti
 
tutti coloro che compiono funzioni in dipendenza e per effetto delle quali sono esposti al pericolo di infortunio direttamente prodotto dalle maschine, apparecchi o impianti suddetti.
 
Sono pure considerate addette ai lavori di cui al primo comma del
 
presente articolo le persone le quali, nelle condizioni previste dal presente titolo, sono comunque occupate dal datore di lavoro in lavori complementari o sussidiari, anche quando lavorino in locali diversi e separati da quelli in cui si svolge la lavorazione principale.
 
Sono altresi' considerate addette ai lavori di cui ai numeri da 1)
 
a 28) del presente articolo le persone le quali, nelle condizioni previste dall'art. 4, sono comunque occupate dal datore di lavoro anche in lavori complementari o sussidiari.
 
L'obbligo dell'assicurazione di cui al presente articolo non
 
sussiste soltanto nel caso di attivita' lavorativa diretta unicamente a scopo domestico, salvo per i lavoratori appositamente assunti per la conduzione di automezzi ad uso familiare o privato.
 
Non rientrano nell'assicurazione del presente titolo le attivita'
 
di cui al presente articolo quando siano svolte dall'imprenditore agricolo per conto e nell'interesse di aziende agricole o forestali, anche se i lavori siano eseguiti con l'impiego di macchine mosse da agente inanimato, ovvero non direttamente dalla persona che ne usa, le quali ricadono in quelle tutelate dal titolo secondo del presente decreto.(14)(19)(29)((54))
 
35 715

contributi