Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri II.djvu/460"

m (Bot: template SAL)
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 75%
+
Pagine SAL 100%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|1154}}-->del participio in ''i'', per isfuggire il cattivo suono p. e. di ''mussatare'', o ''mussatitare'' (eccetto però ''datare'' ec.) Cosí da ''mutuatus'' di ''mutuare'' fecero ''mutitare'' sincopato da ''mutuitare'' se crediamo a quelli che derivano questo verbo ''mutitare'' dal precedente ''mutuare''. Altri lo derivano da ''mutare'', e fa parimente al caso nostro (11 giugno 1821). Vedi p. {{ZbLink|2079}}. e 2192. fine. e 2199. principio. {{SAL|460|3|Alex brollo}}<section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|1155}}
+
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|1154}}-->del participio in ''i'' per isfuggire il cattivo suono, per esempio, di ''mussatare'' o ''mussatitare'' (eccetto però ''datare'' ec.). Cosí da ''mutuatus'' di ''mutuare'' fecero ''mutitare'', sincopato da ''mutuitare'', se crediamo a quelli che derivano questo verbo ''mutitare'' dal precedente ''mutuare''. Altri lo derivano da ''mutare'', e fa parimente al caso nostro (11 giugno 1821). <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|1155}}
   
   
{{ZbPensiero|1155/1}}Alla p. {{ZbLink|1148}}. Lo spagnuolo ''pintar'', cioè ''dipingere'' derivato certo dal participio del verbo ''pingere'', sembra che se non altro dinoti un antico participio ''pinctus'', in vece di ''pictus'', participio regolare e proprio di ''pingere'', come ''tinctus'' di ''tingere'', ''cinctus'' di ''cingere, planctus'' o ''planctum'' di ''plangere'' ec. (e vedi p. {{ZbLink|1153}}, capoverso ultimo, donde raccoglierai che il primo e vero participio passivo di tali verbi era ''pingitus, tingitus'' ec.), e conservatosi, a quel che pare, nel volgare latino (11 giugno 1821). Non diciamo noi ''pinto, dipinto'' ec.? ''Pitto'' solamente in poesia come il {{AutoreCitato|Giovanni Rucellai|Rucellai}} nelle ''Api''. I francesi ''peint'' ec.
+
{{ZbPensiero|1155/1}}Alla p. {{ZbLink|1148}}. Lo spagnuolo ''pintar'', cioè ''dipingere'', derivato certo dal participio del verbo ''pingere'', sembra che, se non altro, dinoti un antico participio ''pinctus'', in vece di ''pictus'', participio regolare e proprio di ''pingere'', come ''tinctus'' di ''tingere'', ''cinctus'' di ''cingere, planctus'' o ''planctum'' di ''plangere'' ec. (e vedi p. {{ZbLink|1153}}, capoverso ultimo, donde raccoglierai che il primo e vero participio passivo di tali verbi era ''pingitus, tingitus'' ec.), e conservatosi, a quel che pare, nel volgare latino (11 giugno 1821). Non diciamo noi ''pinto, dipinto'' ec.? ''Pitto'' solamente in poesia come il {{AutoreCitato|Giovanni Rucellai|Rucellai}} nelle ''Api''. I francesi ''peint'' ec.
   
   
{{ZbPensiero|1155/2}} Alla p. {{ZbLink|1121}}. Cosí ''dubitare'' deriva da ''dubitus'' o ''dubitum'' o ''dubiatum'' (vedi p. {{ZbLink|1154}}), di un antico ''dubiare'' mentovato da Festo e conservato nell’antico italiano. Questo però, terminando in ''itare'', può anche, secondo il detto alla p. {{ZbLink|1113}}, essere un verbo tra frequentativo e diminuitivo, sul gusto di ''haesitare'' da ''haerere'', che somiglia anche nel significato. Vedi p. {{ZbLink|1166}}, fine (11 Giu. 1821).
+
{{ZbPensiero|1155/2}} Alla p. {{ZbLink|1121}}. Cosí ''dubitare'' deriva da ''dubitus'' o ''dubitum'' o ''dubiatum'' (vedi p. {{ZbLink|1154}}), di un antico ''dubiare'' mentovato da {{AutoreCitato|Sesto Pompeo Festo|Festo}} e conservato nell’antico italiano. Questo però, terminando in ''itare'', può anche, secondo il detto alla p. {{ZbLink|1113}}, essere un verbo tra frequentativo e diminuitivo, sul gusto di ''haesitare'' da ''haerere'', che somiglia anche nel significato. Vedi p. {{ZbLink|1166}}, fine (11 giugno 1821).
   
   
{{ZbPensiero|1155/3}} Alla p. {{ZbLink|1117}}. Nostri soli continuativi sono i verbi ''venire'' e ''andare'' uniti a’ gerundi de’ verbi denotanti l’azione che vogliamo significare, come ''venir facendo, andar dicendo''. I quali modi però hanno meno forza e meno significazione della continuità, che non ne hanno propriamente i continuativi latini. E dimostrano una languida continuazione della cosa,{{SAL|460|3|Alex brollo}}<section end=2 />
+
{{ZbPensiero|1155/3}} Alla p. {{ZbLink|1117}}. Nostri soli continuativi sono i verbi ''venire'' e ''andare'' uniti a’ gerundi de’ verbi denotanti l’azione che vogliamo significare, come ''venir facendo, andar dicendo''. I quali modi però hanno meno forza e meno significazione della continuità, che non ne hanno propriamente i continuativi latini. E dimostrano una languida continuazione della cosa,<section end=2 />
5 567

contributi