Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/74"

nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 5: Riga 5:
   
 
{{ZbPensiero|2903/1}} Alla p. {{ZbLink|2815}}. margine. ''Auspico'' e ''suspico'' Vedi p. {{ZbLink|3686}}. da ''specio'', sono come ''aedifico, vivifico, sacrifico, amplifico, gratifico, velifico, significo, vocifico'' (s’é vero)'', magnifico, mellifico,'' e tali altri non pochi, ''da facio''<ref name="ftn30">Veggasi la p. {{ZbLink|2998}}
 
{{ZbPensiero|2903/1}} Alla p. {{ZbLink|2815}}. margine. ''Auspico'' e ''suspico'' Vedi p. {{ZbLink|3686}}. da ''specio'', sono come ''aedifico, vivifico, sacrifico, amplifico, gratifico, velifico, significo, vocifico'' (s’é vero)'', magnifico, mellifico,'' e tali altri non pochi, ''da facio''<ref name="ftn30">Veggasi la p. {{ZbLink|2998}}
e {{ZbLink|3007}}.</ref>, i quali hanno la forma e la coniugazione mutata dalla loro origine o per esser fatti da nomi, come per esempio ''aedificium, sacrificium, magnificus, amplificus'', ch’é di Frontone, ''vivificus'', ec. o per accidente e virtú della composizione, quando <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|2904}} anche sieno fatti direttamente dal verbo originale ''facio''. E notate che i composti di questo verbo fatti con preposizione o particella, non hanno questa forma, ma solo quelli fatti con nomi ec. ''Lucrificare-Lucrifacere. Benefacere-Beneficare'' italiano. ''Ludifacere-Ludificare''. A ogni modo siccome questi tali verbi, se ben li guardi, hanno per lo piú un significato continuativo, giacché altro e meno è per esempio ''mel facere'', altro e piú''mellificare'', si potrebbe forse credere che la loro inflessione in ''are'' mutata da quella della terza coniugazione non fosse a caso né senza ragione, e che essi appartenessero alla categoria di verbi della quale al presente discorriamo, cioè di continuativi appartenenti alla prima coniugazione ma non formati da’ participii, e diversi da quelli che ne<section end=2 />
+
e {{ZbLink|3007}}.</ref>, i quali hanno la forma e la coniugazione mutata dalla loro origine o per esser fatti da nomi, come per esempio ''aedificium, sacrificium, magnificus, amplificus'', ch’é di Frontone, ''vivificus'', ec. o per accidente e virtú della composizione, quando <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|2904}} anche sieno fatti direttamente dal verbo originale ''facio''. E notate che i composti di questo verbo fatti con preposizione o particella, non hanno questa forma, ma solo quelli fatti con nomi ec. A ogni modo siccome questi tali verbi, se ben li guardi, hanno per lo piú un significato continuativo<ref>''Lucrificare-Lucrifacere. Benefacere-Beneficare'' italiano. ''Ludifacere-Ludificare''. </ref>, giacché altro e meno è per esempio ''mel facere'', altro e piú''mellificare'', si potrebbe forse credere che la loro inflessione in ''are'' mutata da quella della terza coniugazione non fosse a caso né senza ragione, e che essi appartenessero alla categoria di verbi della quale al presente discorriamo, cioè di continuativi appartenenti alla prima coniugazione ma non formati da’ participii, e diversi da quelli che ne<section end=2 />