Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri III.djvu/199"

nessun oggetto della modifica
m (Impostazione SAL 75% via bot)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|1479}}-->Ma, siccome queste tali differenze, e quindi le differenze ne’ significati delle parole che le esprimevano, erano sottilissime, e spesso quasi metafisiche (che gli antichi, e massime i latini furono ammirabilmente esatti e minuti nell’assegnare e precisare i significati delle loro voci e modi, e vedi p. 1115-16. 1162. capoverso 3).; cosí naturalissimamente il popolo, incapace di troppe sottigliezze, e quando anche le concepisse, incapace di por troppo squisita cura nella scelta delle parole, cominciò, arricchite, ingrandite, <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|1480}} e fecondate che furono le lingue, a confondere quella parola o quel modo con un altro di poco diversa significazione, a servirsi indifferentemente di voci destinate ad usi simili ma distinti, a trascurare la minuta esattezza, e a poco a poco a dimenticare l’esatto e primo valore di una parola o radicale o derivativa, ad usurpare quel genere di formazioni destinato a quel genere di significati, in significati d’altro vicino genere, e finalmente a dimenticare il proprio e preciso valore delle parole e dei modi; e col tempo e colla forza prepotente dell’uso (che sotto molti aspetti nelle lingue non è che abuso) confondendo i significati, moltiplicarli di nuovo in ciascuna parola, e moltiplicar le parole significanti una stessa cosa, benché da principio differissero. In tal modo le lingue perderono la facoltà che avevano al loro buon tempo di esprimere distintamente le menome differenze delle idee, e queste differenze poco conosciute o notate dai parlatori, fecero che svanissero le piccole ma reali differenze de’ significati delle parole. Ed ecco i sinonimi. <section end=2 /><section begin=3 />{{ZbPagina|1481}} Né solo il popolo, ma anche i civili parlatori (per la difficoltà di essere esatto nel parlare ch’é improvvisare), ed anche i negligenti o meno diligenti scrittori contribuirono proporzionatamente a questo effetto. Lascio le diffusioni di una lingua, e le infinite cagioni le quali perdono o confondono i {{pt|primi-|primitivi }}<section end=3 />
+
<section begin=1 /><!--{{ZbPagina|1479}}-->Ma, siccome queste tali differenze, e quindi le differenze ne’ significati delle parole che le esprimevano, erano sottilissime, e spesso quasi metafisiche (che gli antichi, e massime i latini furono ammirabilmente esatti e minuti nell’assegnare e precisare i significati delle loro voci e modi, e vedi p. {{ZbLink|1115}}-{{ZbLink|1116|visualizza='''16'''}}. {{ZbLink|1162}}. capoverso 3).; cosí naturalissimamente il popolo, incapace di troppe sottigliezze, e quando anche le concepisse, incapace di por troppo squisita cura nella scelta delle parole, cominciò, arricchite, ingrandite, <section end=1 /><section begin=2 />{{ZbPagina|1480}} e fecondate che furono le lingue, a confondere quella parola o quel modo con un altro di poco diversa significazione, a servirsi indifferentemente di voci destinate ad usi simili ma distinti, a trascurare la minuta esattezza, e a poco a poco a dimenticare l’esatto e primo valore di una parola o radicale o derivativa, ad usurpare quel genere di formazioni destinato a quel genere di significati, in significati d’altro vicino genere, e finalmente a dimenticare il proprio e preciso valore delle parole e dei modi; e col tempo e colla forza prepotente dell’uso (che sotto molti aspetti nelle lingue non è che abuso) confondendo i significati, moltiplicarli di nuovo in ciascuna parola, e moltiplicar le parole significanti una stessa cosa, benché da principio differissero. In tal modo le lingue perderono la facoltà che avevano al loro buon tempo di esprimere distintamente le menome differenze delle idee, e queste differenze poco conosciute o notate dai parlatori, fecero che svanissero le piccole ma reali differenze de’ significati delle parole. Ed ecco i sinonimi. <section end=2 /><section begin=3 />{{ZbPagina|1481}}
  +
  +
Né solo il popolo, ma anche i civili parlatori (per la difficoltà di essere esatto nel parlare ch’é improvvisare), ed anche i negligenti o meno diligenti scrittori contribuirono proporzionatamente a questo effetto. Lascio le diffusioni di una lingua, e le infinite cagioni le quali perdono o confondono i {{pt|primi-|primitivi }}<section end=3 />