Pagina:La secchia rapita.djvu/274: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 15: Riga 15:
{{Sc|St. XXI.}} <section begin=4 />''Tornesi'', monete d’oro e d’argento, così dette, perchè si battevano a ''Tours'' città della Francia. ''Tournois.''<section end=4 />
{{Sc|St. XXI.}} <section begin=4 />''Tornesi'', monete d’oro e d’argento, così dette, perchè si battevano a ''Tours'' città della Francia. ''Tournois.''<section end=4 />


{{Nbsp|3}}<section begin=5 />Un tal principe Greco, che si vantava della stirpe di Costantino Magno, andava pescando i balordi per le città d’Italia, e mostrava privilegi di carta pecora vecchia, e veggendo l’ambizione degl’Italiani dava loro titoli e croci a diccine senza risparmio per ogni minima mercede. Onde molti si trovarono cavalieri e conti per una forma di cacio, o per un salame, o per un prosciutto; e a Ferrara fe’ gran profitto, dove infeudò le terre del Turco. Salviani.<section end=5 />
{{Nbsp|3}}<section begin=5 />Un tal principe Greco, che si vantava della stirpe di Costantino Magno, andava pescando i balordi per le città d’Italia, e mostrava privilegi di carta pecora vecchia, e veggendo l’ambizione degl’Italiani dava loro titoli e croci a diccine senza risparmio per ogni minima mercede. Onde molti si trovarono cavalieri e conti per una forma di cacio, o per un salame, o per un prosciutto; e a Ferrara fe’ gran profitto, dove infeudò le terre del Turco. Salviani.


{{Nbsp|2}}<section begin=6 />Quel ''tal Signore'' fu un certo Giovann’ Andrea, che si diceva discendente dalla famiglia Commena. Era principe di Macedonia, e gran maestro dell’ordine imperiale costantiniano di S. Giorgio.<section end=6 />
{{Nbsp|2}}Quel ''tal Signore'' fu un certo Giovann’ Andrea, che si diceva discendente dalla famiglia Commena. Era principe di Macedonia, e gran maestro dell’ordine imperiale costantiniano di S. Giorgio.<section end=5 />


{{Sc|St. XXII.}} <section begin=7 />Lo ''Sparviere'', lo ''Smeriglio'' ed il ''Terzuolo'' sono uccelli di rapina.<section end=7 />
{{Sc|St. XXII.}} <section begin=6 />Lo ''Sparviere'', lo ''Smeriglio'' ed il ''Terzuolo'' sono uccelli di rapina.<section end=6 />


{{Sc|St. XXXVII.}} <section begin=8 />Giove secondo Tolomeo è motore del sesto Pianeta, che dal Tassoni è qui per lepidezza chiamato ''lanterna'', come alla st. 72 di questo medesimo Canto le stelle son dette ''lampade del cielo.''<section end=8 />
{{Sc|St. XXXVII.}} <section begin=7 />Giove secondo Tolomeo è motore del sesto Pianeta, che dal Tassoni è qui per lepidezza chiamato ''lanterna'', come alla st. 72 di questo medesimo Canto le stelle son dette ''lampade del cielo.''<section end=7 />


{{nop}}
{{nop}}
32 171

contributi