Differenze tra le versioni di "Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/394"

m
Bot: template SAL
 
m (Bot: template SAL)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 3: Riga 3:
 
Infatti, dopo il semplicissimo tipo della ianva vediamo quello col crviTAS già adornato cogli archetti. A questo succede l’{{Sc|ianva q . devs protegat}} straccarico di abbellimenti. Oltre al solito cerchio di perline, evvi un secondo circolo formato da 8 archetti doppi con 8 rose nel concavo degli archetti stessi, 8 ornati trilobati allo punte ed 8 stellette poste agli angoli. Questo tipo continua inalterato fino al Tommaso Campofregoso Doge XXI cioè per circa un secolo e mezzo, coll’unica leggera variante in alcuni genovini di Carlo VI i quali hanno i gigli alle punte degli archetti. Durante il dogato del Doge XXI e probabilmente verso la fine, si semplifica questo tipo sopprimendo le rose nel concavo degli archi: 8 stelle prendono il posto degli ornati alle punte ed 8 anellini si sostituiscono alle stelle negli angoli. La leggenda si fa semigotica, ed ha principio quella strana desinenza del nome di Corrado colla X, che viene continuata in tutti i dogati seguenti fino a quello del Cardinale Doge XXXI inclusive.
 
Infatti, dopo il semplicissimo tipo della ianva vediamo quello col crviTAS già adornato cogli archetti. A questo succede l’{{Sc|ianva q . devs protegat}} straccarico di abbellimenti. Oltre al solito cerchio di perline, evvi un secondo circolo formato da 8 archetti doppi con 8 rose nel concavo degli archetti stessi, 8 ornati trilobati allo punte ed 8 stellette poste agli angoli. Questo tipo continua inalterato fino al Tommaso Campofregoso Doge XXI cioè per circa un secolo e mezzo, coll’unica leggera variante in alcuni genovini di Carlo VI i quali hanno i gigli alle punte degli archetti. Durante il dogato del Doge XXI e probabilmente verso la fine, si semplifica questo tipo sopprimendo le rose nel concavo degli archi: 8 stelle prendono il posto degli ornati alle punte ed 8 anellini si sostituiscono alle stelle negli angoli. La leggenda si fa semigotica, ed ha principio quella strana desinenza del nome di Corrado colla X, che viene continuata in tutti i dogati seguenti fino a quello del Cardinale Doge XXXI inclusive.
   
Se la forma generale del nuovo tipo iniziato dal {{Pt|Tom-|Tommaso}}<span class="SAL">394,3,Carlomorino</span>
+
Se la forma generale del nuovo tipo iniziato dal {{Pt|Tom-|Tommaso}}{{SAL|394|3|Carlomorino}}
345 235

contributi