Differenze tra le versioni di "Trattato de' governi/Libro ottavo/IX"

nessun oggetto della modifica
(Porto il SAL a SAL 75%)
 
<section begin="arg"/>filosofia<section end="arg"/>
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=20 dicembre 2011|arg=filosofia}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=[[Trattato de' governi|Libro ottavo]]</br>Capitolo IX:</br>Condizioni da dovere essere nei cittadini che governino lo stato|prec=../VIII|succ=../X}}
==__MATCH__:[[Pagina:Trattato de' governi.djvu/328]]==
 
Tre cose debbe avere chi ha ad essere messo nei primi magistrati d’un governo. La prima è l’amore inverso di tale governo; di poi l’autorità grande da potere esercitare le faccende appartenenti a tale magistrato; la terza è virtù, e giustizia conveniente a quel modo di vivere; perchè se la giustizia non è una medesima in ogni stato, egli è però di necessità ch’ella abbia più differenze. Ma egli è dubbio, quando tutte le cose dette non si ritrovano in un cittadino, qualmente s’abbia di loro a fare elezione. Verbigrazia, s’e’ fusse uno atto ad essere capitano d’eserciti, ma di cattivi costumi, e non amico di quello stato, e dall’altro canto se fusse un cittadino buono e dello stato amico, a chi si debbe di loro dare l’amministrazione degli eserciti?
 
32 879

contributi