Differenze tra le versioni di "Pagina:Zibaldone di pensieri II.djvu/460"

nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 2: Riga 2:
   
   
{{ZbPensiero|1155/1}}Alla p. {{ZbLink|1148}}. Lo spagnuolo ''pintar'', cioè ''dipingere'' derivato certo dal participio del verbo ''pingere'', sembra che se non altro dinoti un antico participio ''pinctus'', in vece di ''pictus'', participio regolare e proprio di ''pingere'', come ''tinctus'' di ''tingere'', ''cinctus'' di ''cingere, planctus'' o ''planctum'' di ''plangere'' ec. (e vedi p. {{ZbLink|1153}}, capoverso ultimo, donde raccoglierai che il primo e vero participio passivo di tali verbi era ''pingitus, tingitus'' ec.), e conservatosi, a quel che pare, nel volgare latino (11 giugno 1821). Non diciamo noi ''pinto, dipinto'' ec.? ''Pitto'' solamente in poesia come il {{AutoreCitato|Rucellai}} nelle ''Api''. I francesi ''peint'' ec.
+
{{ZbPensiero|1155/1}}Alla p. {{ZbLink|1148}}. Lo spagnuolo ''pintar'', cioè ''dipingere'' derivato certo dal participio del verbo ''pingere'', sembra che se non altro dinoti un antico participio ''pinctus'', in vece di ''pictus'', participio regolare e proprio di ''pingere'', come ''tinctus'' di ''tingere'', ''cinctus'' di ''cingere, planctus'' o ''planctum'' di ''plangere'' ec. (e vedi p. {{ZbLink|1153}}, capoverso ultimo, donde raccoglierai che il primo e vero participio passivo di tali verbi era ''pingitus, tingitus'' ec.), e conservatosi, a quel che pare, nel volgare latino (11 giugno 1821). Non diciamo noi ''pinto, dipinto'' ec.? ''Pitto'' solamente in poesia come il {{AutoreCitato|Giovanni Rucellai|Rucellai}} nelle ''Api''. I francesi ''peint'' ec.