A la stagion che 'l mondo foglia e fiora: differenze tra le versioni

riletta e corretta
mNessun oggetto della modifica
(riletta e corretta)
|TitoloSezione=
}}
 
<poem>
A la stagion che ‘l mondo foglia e fiora
acresce gioia a tuttitut<nowiki>[t]</nowiki>i fin’amanti,fin’ amanti:
e vanno insieme a li giardini alora
che gli auscelletti fanno dolzi canti;{{R|4}}
 
la franca gente tutta s’inamora,
e di servir ciascun tragges’inantitrag<nowiki>[g]</nowiki>es’ inanti,
ed ogni damigella in gioia dimora;
e me, n’abondan marrimentimar<nowiki>[r]</nowiki>imenti e pianti.{{R|8}}
 
Ca lo mio padre m’ha messa ‘n erroreer<nowiki>[r]</nowiki>ore,
e tenemi sovente in forte doglia:
donar mi vole a mia forza segnore,{{R|11}}
 
ed io di ciò non ho disìo né voglia,
e ‘n gran tormento vivo a tutte l’ore;
però non mi ralegra fior né foglia.{{R|14}}
</poem>
 
{{Qualità testo|75%}}
 
[[Categoria:Poesie]]
[[Categoria:XIII secolo]]
69 526

contributi